Cambiamento nella pelle dovuto agli ormoni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 23/01/2015

La gravidanza regala bellezza all'incarnato della futura mamma. Tutto merito degli ormoni tipici del periodo

Cambiamento nella pelle dovuto agli ormoni

A regalare un incarnato luminoso alla futura mamma sono gli ormoni della gravidanza. Capita però che gli ormoni possano al contrario provocare pelle lucida, brufoli, come conseguenza di un’eccessiva reazione della pelle agli stessi ormoni, gli estrogeni e il progesterone. Questi, infatti, agiscono anche sulle ghiandole sebacee (che sono incaricate di produrre il sebo, cioè il grasso) e possono far aumentare in modo spropositato la formazione di sebo, rendendo la pelle grassa e favorendo la comparsa dell’acne. Possono verificarsi anche altri fattori, come l’aumentata irritabilità della cute: in gravidanza è facile che la pelle diventi ipersensibile e soggetta a reazioni di intolleranza, anche nei confronti di sostanze che prima non creavano alcun problema.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti