L’addome cresce con il feto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 06/02/2020

Il pancione è il simbolo più evidente della gravidanza e mostra, anche da fuori, la presenza del bimbo in utero

Ormoni in gravidanza: a cosa servono estrogeni e progesterone?

Per assecondare la crescita del feto e, di conseguenza quella dell’utero, l’addome subisce alcune notevoli trasformazioni.

L’utero, alla fine della 18ª settimana di gestazione, si è ormai spostato verso l’alto ed è facilmente percettibile alla palpazione se effettuata appena al di sotto dell’ombelico.

Anche la quantità di liquido amniotico nel quale il feto è immerso aumenta, e intorno a quest’epoca ha raggiunto circa i 250 millilitri.

Ora la gravidanza è ben visibile perché si può notare un rigonfiamento nella parte inferiore dell’addome. Anche nella donna più magra ormai la gravidanza diventa evidente.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti