Bruciori di stomaco o pirosi gastrica in gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 06/05/2020

Sono provocati dagli ormoni tipici della gravidanza e, via via che il pancione cresce, dalla pressione dall'addome sullo stomaco

Gravidanza: i rimedi contro i bruciori di stomaco e il reflusso

Detti anche pirosi gastrica prendono il posto della nausea e del vomito, che di solito diminuiscono o scompaiono del tutto proprio dal quarto mese in poi. L’organismo della futura mamma, infatti, produce molti ormoni, soprattutto estrogeni e progesterone, che hanno un’azione rilassante sull’intera muscolatura liscia dell’organismo, compresa quella dell’apparato digerente. Di conseguenza, il cibo attraversa più lentamente lo stomaco, per consentire un migliore assorbimento dei vari nutrienti, ma proprio questo rallentamento comporta anche un maggiore contatto dei succhi gastrici con lo stomaco stesso: la mucosa (cioè il tessuto di rivestimento interno) di quest’organo, quindi, può essere aggredita con maggiore facilità. Nei mesi successivi, poi, il disturbo sarà aggravato dal progressivo ingrossamento dell’utero, che determina la risalita del cibo e dei succhi gastrici dallo stomaco verso l’esofago (reflusso gastroesofageo), provocando una sensazione di bruciore.

Clicca il link per approfondire sul disturbo BRUCIORE DI STOMACO

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Creme solari: si possono usare in allattamento?

24/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante l'allattamento è opportuno usare, all'occorrenza, prodotti per la protezione dai raggi del sole contenenti filtri fisici e non chimici.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti