Capelli più belli durante i nove mesi di gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 10/02/2020

Per effetto degli ormoni tipici della gravidanza, la chioma appare più piena e luminosa che mai

Capelli più belli durante i nove mesi di gravidanza

Durante la gravidanza i capelli appaiono in genere molto più folti e luminosi. Come mai? Per spiegarlo è necessario sapere come nascono, crescono e cadono i capelli stessi.

In condizioni normali ogni capello segue un ciclo di vita distinto in tre fasi.

  • La prima fase, detta anagen, è destinata alla crescita: giorno per giorno il capello cresce di 0,3-0,4 millimetri e si allunga per un periodo variabile dai 2 ai 7 anni. La durata della fase anagen è infatti influenzata da diversi fattori di tipo genetico (ereditari) e sessuali (durata maggiore nelle donne rispetto agli uomini).
  • La seconda fase, detta catagen, consiste in un periodo di stasi: il capello non cresce più e si ferma per circa due o tre settimane.
  • La terza fare, detta telogen, è di completa inattività e di riposo: il capello resta ancora attaccato al cuoio capelluto per circa tre mesi (cioè il tempo necessario per la produzione di un suo sostituto più giovane) e poi cade, lasciando il posto al nuovo capello, che inizia il suo ciclo vitale.

Tali fasi però non coincidono per tutti i capelli nello stesso momento: uno si trova all’inizio della prima fase, un altro a metà della seconda, un altro ancora alla fine della terza, in modo che il rinnovamento non avvenga tutto in un colpo, ma inavvertitamente giorno dopo giorno (quotidianamente alcuni capelli cadono mentre altri rinascono).

Durante gestazione, invece, il ciclo di vita del capello si modifica e la fase di crescita (anagen) si allunga limitandone la caduta: il capello, in pratica, invece che cadere, continua la sua crescita, sano e vitale, rimanendo attaccato al cuoio capelluto.

Merito degli ormoni

Alla base di questo fenomeno sembra esservi l’azione della prostaciclina, una sostanza prodotta dalla placenta che, dilatando i vasi sanguigni, fa affluire più sangue ai tessuti con l’effetto di stimolare anche la crescita di capelli, peli e unghie.

A questo si aggiunge anche l’azione degli estrogeni, ormoni tipici dell’attesa che, provocando anch’essi la dilatazione dei vasi sanguigni, prolungano la fase di crescita dei capelli che ricevono in questo modo più nutrimento e sono stimolati a svilupparsi.

Tutto cambia dopo il parto

Purtroppo la capigliatura folta e lucente dura per tutto il tempo della gravidanza, ma è destinata a ridimensionarsi bruscamente dopo il parto.

Il crollo dei livelli di estrogeni e progesterone nel sangue, che si verifica alla fine della gravidanza, provoca infatti la caduta quasi simultanea di tutti i capelli che si trovano in fase anagen prolungata (in termini medici si parla di “telogen effluvium”). Risultato: nel giro di qualche mese la chioma ritrova il suo aspetto di sempre.

Da sapere. Non tutte le donne notano un miglioramento dei loro capelli durante la gravidanza. Alcune, al contrario, sono soggette a un diradamento: ma non hanno da preoccuparsi perché anche le loro chiome ritorneranno normali nel giro di qualche mese dal parto.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus e bimbi in piscina: ci sono rischi?

13/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Una cosa è certa: il Sars-CoV-2 non nuota libero nell'acqua delle piscine, per cui i bambini possono fare i bagni in piena sicurezza.  »

Lieve perdita di sangue a inizio gravidanza

06/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La gravidanza è un processo in divenire: almeno nelle prime settimane non si dovrebbero trarre conclusioni su come si sta evolvendo, semplicemente in base a una piccola perdita di sangue.   »

Sovrappeso: è di ostacolo alla fertilità? Assolutamente sì

29/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Molti chili di troppo interferiscono sull'attività delle ovaie, a volte al punto da causare la formazione di ovociti difettosi, che non possono essere fecondati.   »

Fai la tua domanda agli specialisti