Couperose del viso in gravidanza: cosa è?

È un fenomeno normale nei nove mesi ma con qualche attenzione è possibile proteggere il viso e limitare il disturbo

Per effetto della maggiore quantità di sangue circolante nell’organismo della futura mamma, fenomeno tipico dell’attesa, i vasi sanguigni (i sottili tubicini all’interno dei quali scorre il sangue) si dilatano. A causa degli ormoni della gravidanza, tutti i vasi risultano meno tonici, più “rilassati”, per rendere più agevole il flusso sanguigno. Se i vasi sanguigni si dilatano troppo, però, il sangue scorre più lentamente e quindi può ristagnare nei tessuti, costringendo le vene e i capillari (i vasi più superficiali) a rilassarsi maggiormente. In questo modo, la pelle del viso può arrossarsi con facilità, fino ad arrivare alla couperose, caratterizzata dalla comparsa di piccole “venuzze” ai lati del naso. Il problema è più frequente d’inverno, quando il brusco passaggio dal freddo al caldo interno degli ambienti costringe a bruschi restringimenti e dilatazioni i capillari della pelle, che si gonfiano e fanno affluire maggiore sangue alla zona. Una volta che si abituano al nuovo clima, i capillari si restringono, facendo scomparire il rossore sul viso che avevano determinato.

Proteggere il viso dagli arrossamenti

La pelle durante la gravidanza può arrossarsi con facilità, provocando capillari dilatati o couperose: occorre quindi dedicarle particolare attenzione perché è più facilmente soggetta alle aggressioni esterne (come lo smog o il freddo). Ecco quindi qualche consiglio utile.

  1. Applicare sempre creme specifiche anti-arrossamenti, se si ha la pelle del volto che si arrossa con facilità. Questi cosmetici sono di solito a base di sostanze calmanti e rinforzanti che agiscono sulla circolazione superficiale della pelle, aiutando la cute irritata a sopportare meglio le aggressioni ambientali.
  2. Proteggere con le mani le guance quando si passa dal freddo al caldo: con questo accorgimento si attenua il brusco cambio di temperatura e si evita ai capillari di dilatarsi in modo improvviso.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Tampone vaginale positivo allo streptococco al termine della gravidanza

Può accadere che in prossimità del parto il tampone vaginale rilevi la presenza dell'infezione. In questo caso, all'inizio del travaglio viene praticata la profilassi antibitica per evitare che il bambino venga contagiato al momento della nascita.   »

Sinechie delle piccole labbra: serve il cortisone?

Le pomate al cortisone non trovano specifica indicazione per le sinechie delle piccole labbra di una bambina. Una crema emolliente, che contrasti la secchezza delle mucose, se non ci sono sintomi né infezioni ricorrenti è più che sufficiente per controllare l'anomalia.   »

Influenza in gravidanza: è pericolosa?

Ci possono essere dei rischi, se l'influenza viene contratta nelle prime settimane di gravidanza, a causa della febbre. Nel secondo e nel terzo trimestre è improbabile che il bambino corra particolari pericoli. In generale, è sempre opportuno che una donna in attesa effettui la vaccinazione antiinfluenzale....  »

Fai la tua domanda agli specialisti