Nausea e alterazione del gusto e dell’olfatto

Silvia Huen A cura di Silvia Huen Pubblicato il 29/04/2020 Aggiornato il 11/01/2023

La sensazione di nausea è un sintomo molto comune, che si manifesta nella maggior parte delle donne all'inizio della gravidanza, spesso in associazione a una percezione alterata dei cibi e degli odori .

Nausea e alterazione del gusto e dell’olfatto

La nausea è considerata un sintomo tipico della gravidanza (ne soffrono circa l’80% delle donne), che in genere tende a continuare per i primi tre mesi e poi (salvo rari casi) a scomparire nel secondo trimestre.

La sensazione di nausea

In genere la sensazione di nausea è più forte al mattino, al momento del risveglio, ma può manifestarsi anche nel corso della giornata. Per tamponarla o prevenirla si consiglia di mangiare qualche biscotto secco come i kracker.

Il disgusto per i cibi cambia

Il senso di disgusto per i cibi (soprattutto grassi ed elaborati) tipico della nausea si accompagna spesso a una alterazione degli odori e dei sapori del tutto imprevedibile. Ci sono donne che adoravano il caffè e che, una volta rimaste incinte, lo trovano detestabile e nauseante, altre che prima amavano profumarsi o regalare profumi al proprio partner e che adesso non sopportano più nessun tipo di fragranza, altre ancora che impazzivano per i dolciumi e che ora non possono più vederli…

Colpa dell’ormone HCG

Pare che la colpa della nausea e di questo improvviso cambiamento dei gusti sia dovuto alla gonadotropina corionica (HCG), l’ormone prodotto fin dal concepimento che permette di mantenere nell’organismo della futura mamma un ambiente favorevole alla crescita del feto. Non a caso nei test di gravidanza si ricerca, nel sangue o nelle urine, la presenza della beta-HCG (una frazione della gonadotropina corionica) per avere la certezza dell’avvenuto concepimento.

L’ormone HCG, che ha il compito di stimolare le ovaie a produrre grandi quantità di progesterone, agisce nel primo trimestre di gravidanza per poi ridursi progressivamente. Questo spiega perché la nausea e le alterazioni del gusto e dell’olfatto di solito scompaiono o comunque si riducono notevolmente a partire dal quarto mese.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti