Non arrivano le mestruazioni

Silvia Huen A cura di Silvia Huen Pubblicato il 29/04/2020 Aggiornato il 11/01/2023

In genere il mancato arrivo delle mestruazioni viene considerato come il sintomo più evidente di gravidanza. Tuttavia, prima di considerarsi incinte, è bene escludere che possa trattarsi di un altro problema, come un ritardo mestruale più lungo del solito.

Non arrivano le mestruazioni

L’amenorrea, cioè l’assenza di mestruazioni, può indicare effettivamente che si è in presenza di una gravidanza, ma non deve essere considerata un segnale sicuro in quanto potrebbe dipendere anche da altre cause.

I fattori dell’amenorrea

Al di là della gravidanza, sono infatti numerosi i fattori che possono provocare amenorrea: per esempio:

– avere un ciclo mestruale molto irregolare (con possibilità di ritardi anche più lunghi del solito),

– aver seguito a lungo una dieta dimagrante molto restrittiva, in quanto gli squilibri alimentari possono interferire con i meccanismi ormonali che regolano il ciclo mestruale,

– soffrire di anoressia o bulimia, essere sottopeso o obese, perché le carenze o gli eccessi alimentari hanno ripercussioni sul sistema di regolazione ormonale da cui dipende il ciclo mestruale,

– attraversare un periodo di stress molto forte,

– avere crisi depressive,

– praticare attività fisica in eccesso,

– soffrire di disturbi dovuti a squilibri ormonali,

– assumere determinati farmaci (come antipertensivi e antidepressivi).

Non sempre la gravidanza inizia con l’amenorrea

Detto questo, va precisato che non sempre l’inizio di una gravidanza si manifesta con amenorrea. In alcuni casi, per esempio, si possono avere piccole perdite di sangue (dette perdite da impianto) in concomitanza con l’impianto della blastocisti (embrione ai primi stadi) nell’utero.

I sintomi innocui

Altre volte le perdite possono essere leggermente più consistenti e verificarsi a cadenza mensile (false mestruazioni) simulando il normale ciclo femminile. Compaiono in genere in concomitanza con la prima mestruazione saltata e continuano nei successivi due o tre mesi. Si tratta comunque di un sintomo innocuo, causato dagli sbalzi ormonali caratteristici dell’inizio della gravidanza.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dopo 4 maschietti arriverà la bambina?

16/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è assolutamente detto che dopo quattro figli maschi il quinto sarà una femminuccia perchè a ogni gravidanza si ripresentano le stesse probabilità di aver concepito un maschio o una bambina.   »

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti