Perdite da impianto: cosa sono e come riconoscerle?

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 14/04/2023 Aggiornato il 08/02/2024

Le perdite da impianto possono comparire all’inizio della gravidanza, segno che l’ovulo si è insediato nell’utero. A volte possono destare preoccupazione. Vediamo insieme di cosa si tratta, come riconoscerle e quando rivolgersi al ginecologo.

le perdite da impianto sono normali

Le perdite da impianto sono secrezioni vaginali, di colore rosato o marrone, che compaiono nel 30% circa delle donne all’inizio della gravidanza. Sono il segnale che la cellula uovo, fecondata dallo spermatozoo, si è annidata nell’utero. A volte le perdite da impianto causano preoccupazione, ma non sempre la donna si deve spaventare perchè non è sempre facile riconoscerle e possono essere scambiate per flusso mestruale o per spotting. Vediamo quindi di che cosa si tratta e come bisogna comportarsi. 

Cosa sono le perdite da impianto?

 
Le perdite da impianto sono la manifestazione visibile che è avvenuta la fecondazione e che l’embrione in fase iniziale si è annidato sulla parete uterina. Andiamo con ordine. Quando lo spermatozoo feconda l’ovocita, si formano prima lo zigote, quindi la morula (il nucleo di cellule embrionali), infine la blastocisti che rappresenta la fase iniziale dell’embrione. Questa attraverso le tube di Falloppio raggiunge l’utero e si insedia sulla sua parete, l’endometrio. Qui la blastocisti inizia a crescere e a svilupparsi, dando origine all’embrione. Durante il processo di attecchimento, però, alcuni vasi sanguigni dell’endometrio si rompono. Possono quindi comparire secrezioni più o meno abbondanti, di colore rosato o simili a perdite mestruali proprio perché sono il risultato della rottura di capillari.
 

Quando avvengono?

Le secrezioni del dopo impianto compaiono tra  i 10 e i 15 giorni dopo la fecondazione, nei cosiddetti giorni di annidamento e in coincidenza con il flusso mestruale che sarebbe comparso in assenza di gravidanza. Per questa ragione è possibile che la donna, notando le perdite di colore simile al sangue, pensi che si tratti di mestruazioni. È comunque meglio aspettare a eseguire il test di gravidanza, perché i livelli di gonadotropina corionica umana sono ancora troppo bassi e il risultato potrebbe risultare negativo. È meglio contattare il proprio ginecologo per una visita, senza assumere farmaci che potrebbero mascherare i sintomi e non permettere al medico una valutazione obiettiva.

Perdite da impianto: sintomi e caratteristiche distintive 

Per capire se le secrezioni sono perdite da impianto oppure mestruali, ecco alcune caratteristiche a cui bisognerebbe far caso:

  • colore
  • quantità
  • durata

Vediamo nel dettaglio come si contraddistinguono le varie caratteristiche delle perdite da impianto qui elencate.

Colore

Il colore delle perdite da impianto è rosato oppure marrone, non rosso vivo come le mestruazioni o le emorragie. Le perdite da impianto color marrone indicano il sanguinamento dell’utero vecchio mentre quelle rosate o chiare si riferiscono a un impianto più recente. A seconda del colore si capisce anche quando è avvenuto l’annidamento dell’embrione: se scuro è avvenuto già da qualche giorno, se chiaro da poco.

Quantità

Le perdite che si verificano dopo l’impianto in utero sono scarse. Compaiono poche gocce oppure qualche traccia rosata o marroncina sulla carta igienica.

Durata

La durata è un altro segno caratteristico e distintivo delle perdite da impianto, in quanto durano all’incirca 3-4 giorni, ma molto spesso anche meno.

Se si tratta di mestruazioni, quindi se non è avvenuta la fecondazione, nei giorni precedenti compaiono tensione al seno, nervosismo, mal di testa che si alleviano all’arrivo del flusso. Se si tratta di perdite da impianto, anche nei giorni coincidenti e successivi il seno resta gonfio e dolente. Inoltre si possono avvertire lievi crampi al basso ventre. Può comparire sonnolenza, tipica delle prime settimane di gravidanza.

Perdite da impianto e ciclo mestruale, come capire di cosa si tratta?

Le perdite da impianto sono sempre un brutto segno? Questo non è sempre vero e anzi questi segnali non costituiscono per forza un segno di pericolo per una eventuale gravidanza ma potrebbero anche significare che la gravidanza è annidata correttamente nell’endometrio. Sempre che si tratti davvero di queste perdite e che le secrezioni vaginali non siano mestruazioni o, cosa che può indurre preoccupazione, segno di interruzione di gravidanza. Le secrezioni che si verificano dopo la fecondazione sono scarse e hanno un colore rosato o marroncino. Le mestruazioni sono abbondanti e hanno la caratteristica colorazione rosso vivo. È bene fare caso ad altri segnali come addome gonfio, mammelle dolenti e nervosismo, perché questi sono sì sintomi della sindrome premestruale, ma spesso sono anche segnali di inizio gravidanza.

È possibile escludere che si tratti di un’emorragia per altre cause?

Quando le perdite sono di colore rosso vivo e abbondanti, se in precedenza era stato fatto un test di gravidanza con esito positivo, è bene contattare immediatamente il proprio ginecologo. Potrebbe trattarsi di un inizio di aborto spontaneo, che si verifica in una certa percentuale di donne entro le prime settimane. L’esperto va contattato anche quando compaiono perdite scarse e intermittenti, chiamate spotting e non si sospetta una gravidanza. In questo caso potrebbe trattarsi della manifestazione di uno squilibrio ormonale oppure di un’infezione vaginale o uterina.

Dopo quanti giorni si presentano le perdite da impianto?

Solitamente queste manifestazioni compaiono 10-15 giorni dopo la fecondazione, quindi in coincidenza con il flusso mestruale che sarebbe comparso se non si fosse verificata la gravidanza. Proprio per questa ragione è facile che la donna, notando le perdite di colore simile al sangue, sia in dubbio. In questi casi, è meglio aspettare a eseguire il test di gravidanza: i livelli di gonadotropina corionica umana sono ancora troppo bassi e il risultato potrebbe ancora risultare negativo. È meglio basarsi sui sintomi: perdite abbondanti e rosso vivo, che durano a lungo, difficilmente sono secrezioni da impianto. Il consiglio è di contattare il proprio ginecologo per una visita, senza prendere iniziative come assumere farmaci. I medicinali possono mascherare i sintomi e non permettere al medico una valutazione obiettiva.

Quando preoccuparsi in caso di perdite vaginali

Ma quando bisogna preoccuparsi in caso di perdite vaginali? Perdite di colore rosso vivo e abbondanti, dopo un test di gravidanza con esito positivo, potrebbero indicare un inizio di aborto spontaneo, che si verifica in una certa percentuale di donne entro le prime settimane. In questo caso è bene chiamare il proprio ginecologo o recarsi in ospedale. Si dovrebbe chiamare il ginecologo anche se si nota il cosiddetto spotting, perdite scarse e intermittenti e non si sospetta una gravidanza. Potrebbe trattarsi della manifestazione di uno squilibrio ormonale oppure di un’infezione vaginale o uterina.

 
 
 

In breve

Le perdite da impianto non sempre compaiono e riguardano solo una percentuale di donne in gravidanza. Si tratta di una manifestazione soggettiva, caratterizzata dal fatto che le perdite da impianto vere e proprie sono piuttosto scarse e di breve durata.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Mal di gola che ritorna dopo la cura con antibiotico

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

A fronte di un mal di gola che si ripresenta dopo quattro giorni dal termine della cura con antibiotico è opportuno fare un tampone per escludere la responsabilità dello streptococco.   »

PMA e perdite marrone dopo il transfer

28/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

In un terzo delle gravidanze iniziate grazie alla procreazione medicalmente assistita si manifestano perdite che però non hanno significato né valore prognostico.   »

Aborto spontaneo: l’espulsione potrebbe non avvenire naturalmente?

26/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Dopo un mese da un'interruzione spontanea della gravidanza, se l'utero non si è ripulito spontaneamente, è prassi intervenire con il raschiamento. A volte, in alternativa, è possibile anche impiegare i farmaci.  »

Si può concepire di nuovo prima del capoparto?

12/02/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

La prima ovulazione dopo il parto può verificarsi quando ancora non si sono ripresentate le mestruazioni e questo vale anche se si allatta, quindi è possibile avviare una gravidanza prima che si manifesti il capoparto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti