Prurito durante la gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 13/01/2015

Si tratta di un disturbo tipico dell’attesa ed è causato dalla tensione cui è sottoposta la pelle della futura mamma nel corso della gravidanza

disturbi gravidanza prurito

Il prurito è un sintomo abbastanza comune in gravidanza, che interessa in particolare la pancia e i seni, oltre che i fianchi, le cosce e le estremità, a partire dal secondo-terzo trimestre.

In genere il prurito è maggiormente localizzato all’addome in quanto, a partire dal quarto-quinto mese, la pelle di questa zona subisce un notevole, progressivo stiramento, necessario per permettere lo sviluppo del feto e la conseguente dilatazione dell’utero.

Le cause del prurito

La causa principale del prurito in gravidanza consiste proprio nella tensione cui viene sottoposta la pelle del corpo, e in particolare quella del pancione e del seno. L’aumento degli ormoni tipico dell’attesa, stimolando il rilassamento muscolare e la ritenzione idrica, contribuisce poi ad accentuare lo stiramento della pelle. Proprio per questi motivi, infatti, il prurito tende ad aumentare progressivamente per tutto il terzo trimestre e a risolversi dopo il parto.

In alcuni casi, se il prurito si manifesta in modo particolarmente fastidioso, può essere colpa di una colestasi gravidica, un disturbo del fegato dovuto all’azione degli estrogeni, che provoca un accumulo di sali biliari nel sangue (cosa che può succedere anche se si prende la pillola anticoncezionale), a volte accompagnato da un leggero ittero (colorazione giallastra della sclera degli occhi e della pelle). Anche questo problema è destinato a risolversi dopo il parto, ma è comunque raccomandabile rivolgersi al proprio medico.

Che cosa fare

  1. Non grattarsi: sebbene talvolta il prurito sia forte, è meglio resistere alla tentazione di grattarsi perché le unghie possono provocare lesioni sulla pelle e favorire infezioni.
  2. Idratare a fondo la pelle, facendo uso di creme e oli emollienti per rendere la cute più elastica e ridurre la sensazione di tensione.
  3. Utilizzare solo detergenti delicati ed evitare i bagni caldi per non seccare la pelle già stressata dalla tensione.
  4. Indossare abiti in fibre naturali: i tessuti sintetici, fanno aumentare la sudorazione e potrebbero incrementare la sensazione di prurito.
  5. Bere un litro e mezzo o due di acqua oligominerale al giorno per facilitare la diuresi e combattere la disidratazione.
  6. Seguire una dieta leggera, evitando uova, grassi, fritti e cibi elaborati, per non affaticare ulteriormente il fegato.
  7. In caso di prurito molto forte, rivolgersi al medico, che prescriverà gli accertamenti necessari (per esempio, controllo delle transaminasi nel sangue).

I rimedi dolci

Per alleviare il prurito, sono utili i rimedi naturali omeopatici e fitoterapici a base di erbe calmanti come la valeriana, la passiflora e la camomilla.

Anche il classico bagno serale in acqua tiepida è molto indicato per rinfrescare la cute e idratarla, soprattutto se nell’acqua si diluisce un cucchiaio di amido o di estratti di avena sativa, che svolgono un’azione lenitiva e calmante. Dopo il bagno è consigliato spalmare sul corpo, o sulle zone che danno maggiore prurito, il talco mentolato dalle proprietà rinfrescanti.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Ginnastica prepuziale nei piccolissimi: perché non si deve fare?

08/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Forzare il prepuzio di un piccolino a scendere verso il basso fino a scoprire il pene può essere pericoloso. la fimosi fisiologica è un meccanismo di difesa voluto dalla natura che fa sempre le cose per bene.   »

Fai la tua domanda agli specialisti