Seno più sensibile durante i primi mesi della gravidanza

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/01/2015 Aggiornato il 04/02/2020

Il senso di tensione al seno inevitabile nei primi mesi di gravidanza, tende ad attenuarsi via via che la gestazione prosegue

Seno più sensibile durante i primi mesi della gravidanza

Di solito, da questo momento in poi, il forte senso di tensione al seno, che caratterizza i primi mesi di gravidanza (e che è legato al repentino aumento di volume della ghiandola mammaria, che da subito si prepara all’allattamento), tende ad attenuarsi o a scomparire del tutto.

Capita però che, a partire dal quarto mese, in molte future mamme il seno diventi più sensibile, soprattutto intorno alla zona del capezzolo. Questa maggiore sensibilità al tatto è dovuta, da un lato, all’azione degli estrogeni, ormoni prodotti in grande quantità durante la gravidanza, dall’altro, allo stiramento dei tessuti.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Coronavirus: è pericoloso per la fertilità maschile?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Mario Mancini

Non c'è alcuna evidenza scientifica a supporto dell'ipotesi che il SARS-CoV-2 causi infertilità nell'uomo: si tratta dunque di una bufala.   »

Va bene questo valore delle beta?

30/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In sesta settimana, un valore dell'ormone beta-hCG superiore a 10.000 esprime che la gravidanza è in evoluzione, quindi è un ottimo segno.   »

Bimba di tre anni che fa sempre le stesse domande

26/03/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

E' normale che un bambino di tre anni chieda e richieda spesso le stesse cose: le risposte che ottiene (e che ci devono sempre essere) gli servono per consolidare le sue conoscenze.   »

Fai la tua domanda agli specialisti