Sintomi di gravidanza: tensione al seno

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/01/2015 Aggiornato il 11/01/2023

La sensazione di turgore e tensione al seno, simile a quella che si avverte prima della comparsa del ciclo mestruale, è uno dei primi segnali della gravidanza

Tumore al seno: il reggiseno non aumenta il rischio

Ancora prima del mancato arrivo delle mestruazioni, il seno è il primo organo del corpo che può segnalare l’avvenuto concepimento. Sebbene il corpo femminile in questa fase iniziale della gravidanza non dia segnali particolari, la futura mamma può avvertire un senso di gonfiore e di indolenzimento doloroso, simile a quello che si manifesta mensilmente prima dell’arrivo delle mestruazioni.

Tale sintomo è indipendente dalle dimensioni del seno, anche se in alcune donne può manifestarsi in modo più intenso e in altre meno. Il disturbo, del tutto fisiologico, cioè naturale, è legato alle variazioni ormonali che si verificano quando è in atto una gravidanza.

Attenzione però. Oltre che in gravidanza, la tensione al seno, come noto, si manifesta mensilmente anche nella sindrome premestruale o quando si prende la pillola anticoncezionale: in entrambi questi casi, tuttavia, il senso di tensione dura solo qualche giorno, fino all’arrivo delle mestruazioni, mentre in caso di gravidanza il sintomo non solo continua, ma si intensifica. Va precisato, comunque, che la tensione al seno, da sola, non costituisce un sintomo sicuro di gravidanza.

Da che cosa dipende la tensione al seno?

Perché si verifica la tensione mammaria fin dall’inizio della gravidanza? Bisogna sapere che cellule che formano il seno sono dotate di molti recettori per gli ormoni femminili, come gli estrogeni, il progesterone e la prolattina.

La tensione è dovuta appunto all’aumento degli estrogeni, che favoriscono la ritenzione di liquidi e quindi il gonfiore del seno, del progesterone, che agisce sul funzionamento degli organi base della maternità (l’utero e, appunto, il seno) provocandone il rilassamento, e della prolattina, che ha il compito di stimolare progressivamente il seno a produrre il latte.

Un altro sintomo di gravidanza associato al gonfiore è costituito dalla particolare sensibilità che i capezzoli, le areole e tutta la pelle delle mammelle acquisiscono a causa appunto della tensione cui sono sottoposti.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HCG

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Placenta bassa in 16^ settimana: si può prendere l’aereo?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Una sospetta inserzione bassa della placenta va confermata con l’ecografia transvaginale a partire dalla 20^ settimana, quindi circa un mese prima di questa data è prematuro diagnosticarla: proprio per questo un viaggio in aereo si può affrontare senza rischi.   »

Dopo tre cesarei si può partorire naturalmente?

08/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Al travaglio di prova dopo un parto cesareo, noto con l'acronimo TOLAC dall'inglese trial of labour after cesarean, possono essere ammesse solo le mamme che abbiano già affrontato l'intervento solo una, massimo due volte.   »

Manovre effettuate durante l’ecografia: possono causare danno al feto?

04/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giovanni Battista Nardelli

Nessuna delle manovre manuali esterne effettuate dal medico per poter svolgere l'ecografia nel migliore dei modi può esporre il feto a rischi.   »

Bimbo di 4 anni con una tosse che non passa nonostante l’antibiotico

02/04/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

È un'eventualità frequente che i bambini della scuola materna passino più tempo a tossire che il contrario. Posto questo, l’antibiotico andrebbe usato quanto la tosse con catarro persiste per più di un mese senza tendenza alla remissione.  »

Fai la tua domanda agli specialisti