Smog in gravidanza: ripercussioni sul bebè

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/05/2016 Aggiornato il 10/05/2016

L’esposizione allo smog nei nove mesi può predisporre i bambini a problemi nel gestire emozioni e comportamenti. Aumenta il rischio di Adhd

Smog in gravidanza: ripercussioni sul bebè

Un recente studio pubblicato sul Journal of Child Psychology and Psychiatry e condotto da ricercatori della Mailman School of Public Health della Columbia University, ha investigato sui danni provocati dallo smog sulle future mamme e i loro bebè. Lo studio è stato il primo che si è occupato di esaminare  gli effetti dell’esposizione a un agente inquinante conosciuto come l’Ipa (idrocarburi aromatici policiclici) proveniente dalle emissioni dei veicoli a motore, riscaldamento domestico, fumo di tabacco e altre fonti di combustione, sui comportamenti autoregolatori e sulla competenza sociale dei bambini.

Difficoltà emotive e comportamentali

Il team, guidato da Amy Margolis, ha analizzato 462 coppie madre-figlio, valutando l’esposizione materna allo smog durante la gravidanza tramite un campione di sangue. I bambini, invece, sono stati osservati a scadenza regolare, a 3-5 anni di età, e poi a 7, 9 e 11 anni, mettendo, quindi, in comparazione i dati raccolti e creando una scala che esprimesse la Mancanza di autoregolamentazione emotiva (Deficient Emotional Self-Regulation Scale). I risultati hanno confermato che i figli delle mamme più esposte all’inquinamento presentavano maggiore difficoltà di autoregolamentazione a 9 e 11 anni (e quindi maggiori difficoltà di inserimento sociale) rispetto ai coetanei meno esposti. L’esposizione prenatale agli inquinanti è stata associata con Adhd (Disturbo da deficit di attenzione e iperattività), sintomi di ansia, depressione e disordini comportamentali.

Una forte influenza sullo sviluppo futuro

Secondo Amy Margolis, questi problemi rishiano di condizionare tutto lo sviluppo futuro di competenze sociali dei bambini e sono alla base di molte psicopatologie infantili collegate, come disturbo ossessivo compulsivo, uso di sostanze stupefacenti e disturbi alimentari. Problemi che possono predisporre anche a comportamenti ad alto rischio durante l’adolescenza.

 

 

 
 
 

In breve

INTERFERENZE SULL’ASSETTO ORMONALE

I dati di una ricerca dell’Ufficio europeo dell’Oms indicano che i composti chimici dell’inquinamento atmosferico modificano l’assetto ormonale dell’organismo dei più piccoli e aumentano il rischio di una maggior propensione a sviluppare nel corso della vita diabete e obesità.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dodicenne con tosse abbaiante, incessante, resistente alle cure

30/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Una volta escluse le cause organiche, occorre pensare che la comparsa di una tosse che non risponde ad alcuna cura e non dà tregua durante la giornata sia in relazione con un disagio emotivo che può avere come origine un problema legato alla scuola (e ai compagni).   »

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti