Smog in gravidanza: ripercussioni sul bebè

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/05/2016 Aggiornato il 10/05/2016

L’esposizione allo smog nei nove mesi può predisporre i bambini a problemi nel gestire emozioni e comportamenti. Aumenta il rischio di Adhd

Smog in gravidanza: ripercussioni sul bebè

Un recente studio pubblicato sul Journal of Child Psychology and Psychiatry e condotto da ricercatori della Mailman School of Public Health della Columbia University, ha investigato sui danni provocati dallo smog sulle future mamme e i loro bebè. Lo studio è stato il primo che si è occupato di esaminare  gli effetti dell’esposizione a un agente inquinante conosciuto come l’Ipa (idrocarburi aromatici policiclici) proveniente dalle emissioni dei veicoli a motore, riscaldamento domestico, fumo di tabacco e altre fonti di combustione, sui comportamenti autoregolatori e sulla competenza sociale dei bambini.

Difficoltà emotive e comportamentali

Il team, guidato da Amy Margolis, ha analizzato 462 coppie madre-figlio, valutando l’esposizione materna allo smog durante la gravidanza tramite un campione di sangue. I bambini, invece, sono stati osservati a scadenza regolare, a 3-5 anni di età, e poi a 7, 9 e 11 anni, mettendo, quindi, in comparazione i dati raccolti e creando una scala che esprimesse la Mancanza di autoregolamentazione emotiva (Deficient Emotional Self-Regulation Scale). I risultati hanno confermato che i figli delle mamme più esposte all’inquinamento presentavano maggiore difficoltà di autoregolamentazione a 9 e 11 anni (e quindi maggiori difficoltà di inserimento sociale) rispetto ai coetanei meno esposti. L’esposizione prenatale agli inquinanti è stata associata con Adhd (Disturbo da deficit di attenzione e iperattività), sintomi di ansia, depressione e disordini comportamentali.

Una forte influenza sullo sviluppo futuro

Secondo Amy Margolis, questi problemi rishiano di condizionare tutto lo sviluppo futuro di competenze sociali dei bambini e sono alla base di molte psicopatologie infantili collegate, come disturbo ossessivo compulsivo, uso di sostanze stupefacenti e disturbi alimentari. Problemi che possono predisporre anche a comportamenti ad alto rischio durante l’adolescenza.

 

 

 
 
 

In breve

INTERFERENZE SULL’ASSETTO ORMONALE

I dati di una ricerca dell’Ufficio europeo dell’Oms indicano che i composti chimici dell’inquinamento atmosferico modificano l’assetto ormonale dell’organismo dei più piccoli e aumentano il rischio di una maggior propensione a sviluppare nel corso della vita diabete e obesità.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimba di due anni che al nido non mangia nulla

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Luisa Vaselli

Può capitare che un bambino si rifiuti di mangiare al nido. Ma è solo questione di tempo: a mano a mano che impara ad accettare di buon grado il distacco, perché comprende che la mamma torna sempre, tutto si risolve.   »

Quarto cesareo: ci saranno problemi?

13/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo è sempre un intervento difficile per i medici, perché è possibile che i precedenti abbiano lasciato aderenze tra i tessuti uterini e gli organi circostanti, ma questo non significa che non possa andare comunque tutto per il meglio.  »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti