Trasmissione Coronavirus in gravidanza? Ora pare di sì!

Roberta Raviolo A cura di Roberta Raviolo Pubblicato il 04/09/2020 Aggiornato il 04/09/2020

Uno studio italiano dimostra la possibilità di trasmissione del Coronavirus in gravidanza, poiché sono stati trovati anticorpi e tracce virali nel sangue del cordone e nella placenta

Trasmissione Coronavirus in gravidanza? Ora pare di sì!

Il Coronavirus non smette di sorprendere e purtroppo sempre in senso negativo. Qualche mese fa, gli esperti avevano escluso che si potesse verificare la trasmissione del Coronavirus in gravidanza, sulla base di alcune ricerche condotte in Cina e dalle prime osservazioni su alcune gestanti nel nostro paese. Di recente, invece, un gruppo di esperti italiani ha scoperto che il virus può passare dalla mamma al bambino durante la gestazione. Si tratta di un evento raro e, quando si verifica, solitamente non ha serie conseguenze. Gli studi in merito stanno proseguendo, ma è comunque importante che la donna in attesa osservi le misure protettive per evitare di contrarre il virus.

La trasmissione verticale esiste

Già alcuni bambini, nati da donne positive al Covid-19, erano a loro volta risultati positivi al virus, ma non era stato possibile stabilire se l’agente virale era stato contratto durante la nascita o nei momenti immediatamente successivi al parto. Un gruppo di ricerca italiano, costituito da scienziati dell’Università Statale di Milano, in collaborazione con i reparti di Ostetricia dell’Ospedale Sacco, l’Ospedale San Gerardo di Monza e il Policlinico San Matteo di Pavia, è giunto a conclusioni più approfondite. Gli esperti hanno infatti esaminato 31 donne in attesa, che avevano partorito tra marzo e aprile. Erano risultati positivi due neonati e in uno di questi due casi gli scienziati hanno individuato il virus nel sangue del cordone e nella placenta, segno che la trasmissione era stata verticale, ossia quando il feto era ancora in utero.

Anticorpi presenti già in utero

Il piccolo per il quale si era verificata la probabile trasmissione del Coronavirus in gravidanza era un neonato prematuro, nato da una donna che aveva sviluppato una forma seria di Covid-19. Il bimbo è rimasto positivo per 7-10 giorni, senza però conseguenze. Anche nel caso dell’altro neonato positivo gli esperti hanno trovato forti prove di un contagio in utero. Il bebè era figlio di una donna positiva ma con pochi sintomi, era debolmente positivo alla nascita e presentava già tracce del genoma del virus, ma soprattutto anticorpi diretti contro il Coronavirus stesso. Questo è il segno che bimbo era stato contagiato quando era ancora nell’utero, probabilmente due settimane prima dalla nascita.

Altre prove scientifiche

Le conclusioni degli esperti italiani trovano riscontro in altri studi che dimostrerebbero la trasmissione del Coronavirus in gravidanza. A Parigi un gruppo di ricercatori ha pubblicato uno studio su Nature Communication descrivendo il caso di una giovane donna che ha contratto il Covid-19 nel terzo trimestre: dai campioni di sangue del bambino si è scoperto che erano già presenti anticorpi e il piccolo aveva accusato disturbi neurologici, dai quali poi si è ripreso. Una ricerca americana, condotta in Texas e uscita sul Pediatric Infectious Disease Journal su una bimba nata prematura da una donna con diabete, ha dimostrato il contagio in utero. Infatti sui campioni della placenta erano presenti segni di infiammazione, a prova che il virus era passato alla neonata dalla madre durante la vita intrauterina. I diversi studi giungono alla conclusione che il periodo più a rischio per la trasmissione del Coronavirus in gravidanza è il terzo trimestre, quando il bambino è già ben formato e non sembrano esserci serie conseguenze.

 

 
 

Da sapere

EVENTO RARO

La trasmissione del Coronavirus in gravidanza resta un evento raro ed è un tema sul quale è necessario indagare ancora. È bene che la donna in attesa non sottovaluti le misure protettive: distanziamento, mascherina correttamente indossata, attenta igiene delle mani. Con il ginecologo può valutare l’opportunità del vaccino antinfluenzale.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbi sul risultato dell’isterosalpingografia

28/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Quello che conta più di tutto è che l'isterosalpingografia appuri la pervietà delle tube.   »

La mia gravidanza si è interrotta subito: quando riprovarci?

16/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

Si può cercare un bimbo immediatamente dopo un aborto spontaneo, avvenuto nelle primissime settimane di gravidanza.   »

Sono incinta: posso continuare ad allattare?

14/09/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se lo si desidera, non c'è ragione di smettere di allattare quando inizia una nuova gravidanza.   »

Fai la tua domanda agli specialisti