Troppi estrogeni in gravidanza? Aumenta rischio autismo per il bebè

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 10/09/2019 Aggiornato il 10/09/2019

Troppi estrogeni in gravidanza potrebbero aumentare il rischio di autismo nei nascituri geneticamente predisposti: lo ipotizza uno studio

Troppi estrogeni in gravidanza? Aumenta rischio autismo per il bebè

Troppi estrogeni (gli ormoni femminili) in gravidanza potrebbero aumentare il rischio di autismo per il nascituro. Lo suggerisce uno studio del Centro di ricerca sull’autismo della University of Cambridge. Gli esperti hanno analizzato la concentrazione di 4 tipi di estrogeni nel liquido amniotico di un campione di gestanti e hanno dimostrato che i livelli sono molto più elevati nel liquido di mamme i cui figli avrebbero poi sviluppato l’autismo negli anni a venire.

Stesso rischio con gli androgeni

In passato gli stessi ricercatori avevano dimostrato che anche un eccesso di androgeni (ormoni maschili) nel liquido amniotico si associa a maggior rischio di autismo nel nascituro. Sia gli androgeni sia gli estrogeni influenzano la mascolinizzazione del cervello fetale e, se in eccesso, potrebbero indurre delle disfunzioni. Questi risultati supportano l’idea che l’aumento degli ormoni sessuali steroidei siano una delle potenziali cause dell’autismo. La genetica è un altro fattore scatenante: è provato che l’autismo è prevalentemente ereditario e la componente genetica ha una responsabilità nell’83% dei casi. Nel caso di familiarità, i fratelli più piccoli di bambini con autismo hanno fino a 13 volte più probabilità, rispetto alla popolazione generale, di sviluppare i disturbi.

Risultati da approfondire

Secondo gli autori dello studio, questi ormoni potrebbero interagire con fattori genetici, influenzando il cervello del feto in via di sviluppo. Molteplici le possibili cause di un eccesso di ormoni estrogeni in gravidanza: potrebbe derivare dalla mamma, dal feto stesso o dalla placenta. Il prossimo passo sarà studiare queste fonti di estrogeni e capire come interagiscono tra loro durante la gravidanza. Inoltre si cercherà di scoprire in che modo gli ormoni femminili possano influenzare lo sviluppo del feto e se vi siano differenze in base al sesso del nascituro.

 

 

Da sapere!

Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità un bambino su 160 nel mondo ha un disturbo dello spettro autistico, mentre in Italia l’autismo colpisce un bambino su 100, coinvolgendo oltre 500mila famiglie.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Nonna che svaluta i genitori: che fare?

18/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Non si possono tollerare gli atteggiamenti prevaricatori dei nonni (né di altri parenti che si occupano dei bambini): in caso contrario si espongono i figli a vari rischi.   »

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti