I vaccini per il Covid sono sicuri in gravidanza?

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 04/10/2022 Aggiornato il 04/10/2022

La sicurezza dei vaccini anti Covid in gravidanza è stata ribadita anche da un recente studio canadese che ha anche verificato come non danneggino il feto

donna in gravidanza fa il vaccino per il covid

Le attenzioni in gravidanza sono massime e tutto il periodo richiede grande prudenza. Ecco perché anche in tema di vaccini, e in tempi di pandemia si parla di quelli contro il virus Sars-CoV-2, occorre procedere con cautela ma senza paura: un ampio studio canadese ha provato che i vaccini anti Covid non sono dannosi in gravidanza.

Che cosa sono i vaccini a mRNA per Covid 19?

Sono potenti armi contro l’infezione da Sars-CoV-2. Trial clinici che hanno portato all’approvazione dei vaccini e dati sul campo di milioni di somministrazioni hanno verificato che sono estremamente efficaci nell’evitare l’insorgenza dei sintomi tipici della malattia. Studi più recenti hanno dimostrato inoltre che sono in grado anche di bloccare la trasmissione del virus, evitando nuovi contagi. 

In gravidanza ci si può vaccinare contro il Covid? 

I vaccini anti-Covid a mRna sono sicuri in gravidanza. La conferma è arrivata di recente da un ampio studio canadese pubblicato su “The Lancet Infectious Diseases” dal quale emerge come i disturbi riportati entro la settimana successiva alla vaccinazione, che hanno richiesto assenza dal lavoro o da scuola o valutazione medica, siano stati addirittura meno frequenti tra le donne in attesa che fra quelle non incinte: 7,3% contro 11,3% dopo due dosi. Non solo: questo tipo di problemi è stato riferito anche dal 3,2% di un gruppo controllo formato da donne in gravidanza non vaccinate, elemento che suggerisce come alcuni dei sintomi sperimentati dalle mamme immunizzate potrebbero non essere nemmeno correlati all’iniezione anti Sars-CoV-2.

Che reazioni si possono avere ai vaccini in gravidanza?

La risposta arriva nuovamente dall’indagine promossa dalla Canadian National Vaccine Safety (Canvas) e coordinata dal British Columbia Children’s Hospital Research Institute e pubblicata su The Lancet che ha esaminato dati raccolti in sette province e territori canadesi tra il dicembre 2020 e il novembre 2021.

Le donne in attesa valutate per eventuali effetti collaterali post-vaccino, di età compresa tra 15 e 49 anni, sono state oltre 191mila relativamente alla prima dose e quasi 95mila relativamente alla seconda. A tutte è stato chiesto di segnalare autonomamente eventuali effetti collaterali registrati nei 7 giorni successivi a ogni dose di vaccino. Il 4% ha evidenziato un evento di salute significativo (con assenza dal lavoro o da scuola, o comunque impossibilità a svolgere le normali attività quotidiane, o necessità di consulto medico) dopo la prima dose e il 7,3% dopo la seconda; si è trattato nella maggior parte dei casi di sensazione generale di malessere, mal di testa/emicrania, infezione delle vie respiratorie. Gli eventi gravi (da pronto soccorso o ricovero) sono stati rari, sotto l’1%.

La vaccinazione può essere pericolosa per il feto?

Una delle ragioni che portano le donne ad escludere la vaccinazione anti-Covid è la paura di danneggiare il bambino. Anche in questo caso si può stare serene. Una ricerca condotta a Chicago su oltre 3mila donne, e che si aggiunge ai dati raccolti in Italia, non evidenza un aumentato rischio di malformazioni. La ricerca canadese sopraddetta ha verificato inoltre che casi di aborto spontaneo() o bimbo nato morto sono stati riferiti dal 2,1% delle mamme non vaccinate e dall’1,5% di quelle vaccinate.

 

 
 
 

In sintesi

Quando si può fare i vaccini anti-Covid in gravidanza?

A differenza di altre vaccinazioni e dei farmaci dove si tende ad evitare la somministrazione nel primo trimestre, è stato verificato che i vaccini a mRNA, non contenendo il virus, possono essere somministrati in qualsiasi periodo della gravidanza.

Si può allattare dopo la vaccinazione anti-Covid?

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità se la donna decide di vaccinarsi in allattamento, questo non deve essere sospeso. Numerosi studi hanno dimostrato che nel latte materno delle donne vaccinate sono presenti anticorpi contro Sars-Cov-2 che possono essere una barriera per il piccolo che non può vaccinarsi.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Calcola le settimane di gravidanza

Calcola la data presunta del parto

Calcola il peso del feto

Calcola la lunghezza del feto

Scegli il nome del tuo bambino

Controlla i valori Beta HC

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti