I 12 allergeni più a rischio per il bambino

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/01/2015 Aggiornato il 27/01/2015

Vige l'obbligo di citarne la presenza nelle etichette dei cibi confezionati

Gravidanza: le noccioline proteggono i bimbi dall’allergia alimentare

Ecco i 12 allergeni più a rischio:

  • cereali contenenti glutine (cioè grano, segale, orzo, avena, farro, kamut) e prodotti derivati;
  • crostacei e prodotti a base di crostacei;
  • uova e prodotti a base di uova;
  • pesce e prodotti a base di pesce;
  • arachidi e prodotti a base di arachidi;
  • soia e prodotti a base di soia;
  • latte e prodotti a base di latte (compreso il lattosio, lo zucchero del latte);
  • frutta secca a guscio:
    • mandorle (Amigdalus communis L.);
    • nocciole (Corylus avellana);
    • noci comuni (Juglans regia);
    • noci di acagiù (Anacardium occidentale);
    • noci pecan (Carya illinoiesis);
    • noci del Brasile (Bertholletia excelsa);
    • pistacchi (Pistacia vera);
    • noci del Queensland (Macadamia ternifolia);
  • sedano e prodotti a base di sedano;
  • senape e prodotti a base di senape;
  • semi di sesamo;
  • anidride solforosa e solfiti (conservanti) in concentrazioni superiori a 10 mg/Kg o 10 mg/l .
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Utero setto: operare o no prima di una gravidanza?

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

La tendenza di oggi è di non intervenire sempre e comunque in caso di utero setto, ma solo in determinate condizioni.  »

Gravidanza e dubbi sulla vitamina D

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vitamina D, anche se assunta in dosi superiori al fabbisogno, non provoca danni al feto.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti