Allergia nei bambini in aumento: sotto accusa lo smog

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 18/09/2017 Aggiornato il 18/09/2017

Nel mirino degli esperti anche i cambiamenti climatici, che comportano l’acuirsi e il prolungarsi dei sintomi dell’allergia nei bambini

Allergia nei bambini in aumento: sotto accusa lo smog

Un bambino italiano su tre soffre di allergia. Sotto i 14 anni il 10% presenta asma soprattutto nelle fasce d’età 6-7 anni e 13-14 anni; il 20% è affetto da rinite allergica, trend in aumento a 6-7 anni e 13-14 anni, e il 15% presenta dermatite atopica. L’ allergia nei bambini in aumento è riscontrata soprattutto in ambito metropolitano, a causa dell’incremento delle emissioni inquinanti.

Sotto accusa lo smog

L’aumento dell’inquinamento è tra i principali responsabili dell’ allergia nei bambini in aumento: a spiegarlo è Stefano Macciò, responsabile ambulatori pediatrici di allergologia della Asl 3 e primario di neonatologia all’ospedale Villa Scassi di Genova: “Nelle aree di Genova, per esempio, sono indubbi i benefici del clima mediterraneo, ma si assiste a un continuo aumento delle emissioni inquinanti da traffico veicolare”.

Il ruolo dei cambiamenti climatici

Dal canto loro, i cambiamenti climatici possono comportare un acuirsi e un prolungarsi dei sintomi delle allergie ai pollini come accade per esempio quando, con l’aumento delle temperature, le pollinosi iniziano prima e durano più a lungo.

Anche reazioni agli alimenti

Nella fascia di età 0-2 anni i disturbi più riscontrati sono diverse forme di allergie alimentari e dermatite atopica. Inalanti come acari, epiteli di animali e muffe sono tra le cause scatenanti di allergia e asma tra i 2 e i 4 anni, mentre dopo i 4 anni la causa principale diventano i pollini. “In Liguria tra i pollini il principale è quello della parietaria, quasi perenne – conclude l’esperto -. Forme asmatiche importanti possono essere provocate anche da pollini di oleacee. I cambiamenti climatici influenzano notevolmente il periodo di insorgenza e la durata dei sintomi”.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

Secondo uno studio del Children’s Hospital di Philadelphia i bambini che soffrono di multiple allergie alimentari hanno un aumentato rischio di sviluppare l’asma rispetto a quelli allergici a un solo alimento.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Continue infezioni delle vie urinarie: che fare?

27/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si vada incontro a numerose infezioni delle vie urinarie diventa necessario rivolgersi a uno specialista in urologia o uro-ginecologia per farsi indicare il percorso terapeutico più efficace e, quindi, risolutivo.   »

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Fai la tua domanda agli specialisti