Allergie alle punture d’insetto? Ecco come intervenire

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/06/2019 Aggiornato il 18/06/2019

Sono fastidiose per tutti, soprattutto per i bambini, e in alcuni casi le punture d’insetto sono anche pericolose, in quanto possono provocare reazioni allergiche. Ecco come comportarsi

Allergie alle punture d’insetto? Ecco come intervenire

Nei bambini predisposti le punture d’insetto possono scatenare vere e proprie allergie. In questi casi bisogna osservare una serie di regole per evitare situazioni gravi come lo shock anafilattico.   Per questo, i genitori devono sapere cosa fare per proteggere i propri figli. Ecco i consigli degli esperti della Fondazione Maugeri di Pavia.

Api, vespe e calabroni

A causare allergie non sono tutte le punture d’insetto, ma solo quelle degli insetti appartenenti alla specie degli imenotteri: in Italia api, vespe e calabroni. Nel loro veleno sono contenuti, infatti, alcuni allergeni, cioè sostanze in grado di far scattare, entro pochi minuti, una reazione allergica in chi vi è predisposto.

Quali sintomi

Tra i sintomi dell’allergia alle punture d’insetto, il più frequente e il più lieve è l’orticaria: la pelle si ricopre di pomfi (macchie in rilievo) rossi e pruriginosi, diffusi su tutto il corpo. Talvolta, può comparire un angioedema, cioè gonfiore, prevalentemente al viso. Quando il gonfiore raggiunge la parte bassa della gola, può impedire il passaggio dell’aria con comparsa di difficoltà respiratoria, voce roca, tosse con timbro “abbaiante” (edema della glottide). Nei casi più seri si può andare incontro allo shock anafilattico: la reazione allergica determina una seria vasodilatazione, un calo della pressione arteriosa e una perdita di coscienza fino alla morte.

No abiti scuri e…

Per ridurre i rischi, è importante innanzitutto che i soggetti allergici rispettino alcune norme preventive, come:

– in estate indossare abiti chiari,

– non usare profumi forti,

– non camminare scalzi,

– tenere i finestrini dell’auto chiusi.

Sì al vaccino

La miglior prevenzione, però, è rappresentata dal vaccino. “Nei soggetti con diagnosi confermata, il vaccino (immunoterapia specifica) è l’unico trattamento in grado di garantire una protezione completa: è, infatti, protettivo nel 95-98% dei pazienti trattati e consiste nell’iniezione sottocutanea di veleno in dosi gradualmente crescenti per stimolare i meccanismi protettivi dell’organismo contro gli effetti di ulteriori punture” spiega Carlo Biale, responsabile dell’Ambulatorio dedicato alle allergie a veleno degli imenottori, della Fondazione Maugeri di Pavia.

Quando andare al Pronto soccorso

Se dopo una puntura, il bambino manifesta una reazione cutanea estesa, sintomi seri o disturbi mai avuti in precedenza è consigliabile recarsi subito al Pronto soccorso. I soggetti allergici al veleno di imenotteri devono sempre portare con sé il kit di adrenalina da impiegare in caso di comparsa di sintomi gravi. Si tratta, infatti, di un “salvavita”. 

 
 
 

In breve

LONTANO DAI LUOGHI A RISCHIO

Per evitare le punture d’insetto, è importante stare lontano da fiori, frutti maturi, alberi, cespugli, raccoglitori per immondizie e cataste di legna che possono attrarre questi insetti.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

La mia gravidanza si è interrotta: riuscirò ad avere un bambino?

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Per quanto strano possa sembrare, un aborto spontaneo, anche se rappresneta un evento dolorosa, comprova che la coppia riesce a concepire, quindi è fertile.   »

Sangue rosso vivo a un mese dal parto

30/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Le lochiazioni non preoccupano se sono costituite da sangue, ma solo se diventano maleodoranti o troppo abbondanti.  »

Perché il bimbo in utero non si vede ancora?

23/11/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se l'ovulazione avviene più tardi rispetto all'ipotesi può accadere che l'embrione non sia visibile ecograficamente nell'epoca della gravidanza in cui generalmente lo è già.   »

Fai la tua domanda agli specialisti