Allergie dei bambini: il ruolo della vitamina D

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 27/08/2019 Aggiornato il 27/08/2019

I cambiamenti climatici, la stagione dei pollini più lunga e l’inquinamento sono tra le cause dell’aumento dei casi di allergie dei bambini negli ultimi anni. In arrivo nuove cure

Allergie dei bambini: il ruolo della vitamina D

Negli ultimi 20 anni la crescita delle allergie dei bambini è stata costante, passando dal 7 al 25 per cento. I dati più recenti rilevano circa un milione di bambini con la rinite, 630mila con l’asma e 490mila piccoli con dermatite atopica. Secondo alcuni studi di proiezione, nel prossimo futuro la rinite allergica potrebbe interessare 1 bambino su 2 sotto i 14 anni.

Cause e nuove cure

Secondo Gian Luigi Marseglia, presidente della Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica e direttore della clinica pediatrica dell’Università di Pavia, tra le cause di questo aumento esponenziale delle allergie dei bambini incidono alcune condizioni ambientali, quali i cambiamenti climatici con l’allungarsi della stagione dei pollini e l’aumento dell’inquinamento, fuori, ma anche dentro casa. Per far fronte a questa emergenza si stanno studiando nuove cure. In particolare, innovative tecniche molecolari che consentono ai medici di formulare diagnosi più mirate e cure personalizzate in base alle caratteristiche del singolo paziente. Il vantaggio di queste nuove tecniche di diagnostica è la possibilità di identificare in maniera più precisa le singole proteine responsabili delle reazioni allergiche.

L’importante ruolo della vitamina D

Dagli studi più recenti sulle conseguenze della carenza di vitamina D in età pediatrica emerge l’importanza di questa vitamina già durante la gravidanza e poi nel neonato per la prevenzione delle malattie allergiche. La vitamina D, infatti, non serve solo per la crescita e il benessere osseo, ma ha anche un effetto centrale nel modulare le funzioni del sistema immunitario e sembra contribuire anche alla prevenzione delle malattie allergiche e probabilmente all’attenuazione dei sintomi stessi. Nei bambini asmatici la vitamina D riduce la frequenza degli attacchi e favorisce un miglior controllo della patologia potenziando l’effetto dei farmaci. Il deficit di vitamina D, al contrario, è spesso correlato a un maggior numero di ricoveri ospedalieri  per broncospasmo e a una maggiore necessità di terapia con corticosteroidi orali.

Da sapere!

La vitamina D è utilissima nella prevenzione di asma e allergie polmonari nei più piccoli ma molti i bambini italiani ne sono carenti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti