Allergie dei bambini: il ruolo della vitamina D

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 27/08/2019 Aggiornato il 27/08/2019

I cambiamenti climatici, la stagione dei pollini più lunga e l’inquinamento sono tra le cause dell’aumento dei casi di allergie dei bambini negli ultimi anni. In arrivo nuove cure

Allergie dei bambini: il ruolo della vitamina D

Negli ultimi 20 anni la crescita delle allergie dei bambini è stata costante, passando dal 7 al 25 per cento. I dati più recenti rilevano circa un milione di bambini con la rinite, 630mila con l’asma e 490mila piccoli con dermatite atopica. Secondo alcuni studi di proiezione, nel prossimo futuro la rinite allergica potrebbe interessare 1 bambino su 2 sotto i 14 anni.

Cause e nuove cure

Secondo Gian Luigi Marseglia, presidente della Società Italiana di Allergologia e Immunologia Pediatrica e direttore della clinica pediatrica dell’Università di Pavia, tra le cause di questo aumento esponenziale delle allergie dei bambini incidono alcune condizioni ambientali, quali i cambiamenti climatici con l’allungarsi della stagione dei pollini e l’aumento dell’inquinamento, fuori, ma anche dentro casa. Per far fronte a questa emergenza si stanno studiando nuove cure. In particolare, innovative tecniche molecolari che consentono ai medici di formulare diagnosi più mirate e cure personalizzate in base alle caratteristiche del singolo paziente. Il vantaggio di queste nuove tecniche di diagnostica è la possibilità di identificare in maniera più precisa le singole proteine responsabili delle reazioni allergiche.

L’importante ruolo della vitamina D

Dagli studi più recenti sulle conseguenze della carenza di vitamina D in età pediatrica emerge l’importanza di questa vitamina già durante la gravidanza e poi nel neonato per la prevenzione delle malattie allergiche. La vitamina D, infatti, non serve solo per la crescita e il benessere osseo, ma ha anche un effetto centrale nel modulare le funzioni del sistema immunitario e sembra contribuire anche alla prevenzione delle malattie allergiche e probabilmente all’attenuazione dei sintomi stessi. Nei bambini asmatici la vitamina D riduce la frequenza degli attacchi e favorisce un miglior controllo della patologia potenziando l’effetto dei farmaci. Il deficit di vitamina D, al contrario, è spesso correlato a un maggior numero di ricoveri ospedalieri  per broncospasmo e a una maggiore necessità di terapia con corticosteroidi orali.

 
 
 

Da sapere! 

La vitamina D è utilissima nella prevenzione di asma e allergie polmonari nei più piccoli ma molti i bambini italiani ne sono carenti.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

A due anni perché non parla ancora?

12/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Daniela Biatta

Fino ai tre anni di età, una volta esclusi deficit di qualsiasi natura, si può ipotizzare la non grave condizione di "parlatore tardivo"  »

Gravidanza e paura di effettuare il tampone vaginale

10/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Durante i nove mesi di gestazione, effettuare il tampone vaginale non espone ad alcun rischio, quindi può essere affrontato in assoluta tranquillità.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti