Allergie: i consigli per i bambini quando vanno all’asilo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/09/2013 Aggiornato il 02/09/2013

Se i bambini soffrono di allergie, prima di mandarli all’asilo è bene adottare qualche precauzione. Infatti, anche i fattori ambientali influiscono sui sintomi

Allergie: i consigli per i bambini quando vanno all’asilo

L’inizio dell’asilo comporta sempre un po’ di fatica in più per le mamme, che devono preparare una serie di cose, riorganizzarsi e motivare i bambini. In caso di allergie, poi, il lavoro aumenta notevolmente. Infatti, tutti i fattori ambientali, non solo quelli esterni, ma anche quelli interni possono aumentare l’intensità dei sintomi. Di conseguenza, per tutelare il piccolo, è necessario adottare una serie di cautele.

Ci vuole il certificato medico

Innanzitutto, se i bambini soffrono di allergie, è essenziale chiedere al medico di compilare un certificato o un documento da consegnare alla direzione dell’asilo, che spieghi la malattia di cui soffre il bambino, gli eventuali farmaci da usare in caso di emergenza e le manovre che possono portare sollievo durante un attacco. Occorre anche fornire un documento che autorizzi il personale scolastico a somministrare eventuali farmaci al bambino. Meglio, inoltre, consegnare all’asilo una dose del medicinale che potrebbe servire al piccolo in caso di una crisi.

Meglio con il grembiule

I vestiti e le scarpe trasportano allergeni (le sostanze che scatenano allergie). Per questa ragione, è bene chiedere alle maestre di far indossare agli alunni il grembiule: può essere utile per proteggere, anche se parzialmente, il bambino allergico. I grembiuli, però, andrebbero lasciati a scuola in un apposito armadio chiuso, fino a quando si portano a casa per essere lavati.

La dieta personalizzata

Se i bambini soffrono di allergie alimentari, occorre ricordare alla scuola la necessità di una dieta personalizzata e l’adozione di norme igienico-sanitarie durante la preparazione e la distribuzione del pasto. Per esempio, bisogna evitare di mettere il cibo del piccolo allergico a contatto con quello riservato agli altri bambini.

Il ricambio dell’aria

L’aria stagnante è “nemica” del bambino allergico. È bene, dunque, chiedere alle maestre dell’asilo di aprire spesso le finestre: bastano pochi minuti per favorire il ricambio dell’aria delle aule. 

In breve

L’AIUTO DEGLI ALTRI GENITORI

Mamme e papà possono chiedere l’aiuto e la collaborazione degli altri genitori. Per esempio, se il bambino soffre di allergie a un alimento, possono invitare gli altri genitori a non preparare merende a base di quel cibo o a raccomandare al proprio figlio di non offrire parte della sua merenda al compagno allergico.  Tutti i genitori possono anche impegnarsi a non intasare l’uscita dell’asilo con le automobili. Parcheggiare lontano dall’ingresso, andare a piedi o con i mezzi pubblici contribuisce a non peggiorare l’inquinamento dell’aria esterna, offrendo maggiori tutele alla salute dei piccoli. Allergici e no.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tintura dei capelli: fa male in gravidanza?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non esistono più in commercio prodotti per tingere i capelli dannosi in gravidanza, quindi si possono usare tranquillamente. E quetso vale anche in allattamento.   »

Gemelli: è possibile averli solo se c’è familiarità?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

La gravidanza gemellare non è affatto legata alla familiarità, ma è un evento occasionale che può riguardare qualsiasi donna,   »

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Fai la tua domanda agli specialisti