Allergie: i consigli per i bambini quando vanno all’asilo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/09/2013 Aggiornato il 02/09/2013

Se i bambini soffrono di allergie, prima di mandarli all’asilo è bene adottare qualche precauzione. Infatti, anche i fattori ambientali influiscono sui sintomi

Allergie: i consigli per i bambini quando vanno all’asilo

L’inizio dell’asilo comporta sempre un po’ di fatica in più per le mamme, che devono preparare una serie di cose, riorganizzarsi e motivare i bambini. In caso di allergie, poi, il lavoro aumenta notevolmente. Infatti, tutti i fattori ambientali, non solo quelli esterni, ma anche quelli interni possono aumentare l’intensità dei sintomi. Di conseguenza, per tutelare il piccolo, è necessario adottare una serie di cautele.

Ci vuole il certificato medico

Innanzitutto, se i bambini soffrono di allergie, è essenziale chiedere al medico di compilare un certificato o un documento da consegnare alla direzione dell’asilo, che spieghi la malattia di cui soffre il bambino, gli eventuali farmaci da usare in caso di emergenza e le manovre che possono portare sollievo durante un attacco. Occorre anche fornire un documento che autorizzi il personale scolastico a somministrare eventuali farmaci al bambino. Meglio, inoltre, consegnare all’asilo una dose del medicinale che potrebbe servire al piccolo in caso di una crisi.

Meglio con il grembiule

I vestiti e le scarpe trasportano allergeni (le sostanze che scatenano allergie). Per questa ragione, è bene chiedere alle maestre di far indossare agli alunni il grembiule: può essere utile per proteggere, anche se parzialmente, il bambino allergico. I grembiuli, però, andrebbero lasciati a scuola in un apposito armadio chiuso, fino a quando si portano a casa per essere lavati.

La dieta personalizzata

Se i bambini soffrono di allergie alimentari, occorre ricordare alla scuola la necessità di una dieta personalizzata e l’adozione di norme igienico-sanitarie durante la preparazione e la distribuzione del pasto. Per esempio, bisogna evitare di mettere il cibo del piccolo allergico a contatto con quello riservato agli altri bambini.

Il ricambio dell’aria

L’aria stagnante è “nemica” del bambino allergico. È bene, dunque, chiedere alle maestre dell’asilo di aprire spesso le finestre: bastano pochi minuti per favorire il ricambio dell’aria delle aule. 

In breve

L’AIUTO DEGLI ALTRI GENITORI

Mamme e papà possono chiedere l’aiuto e la collaborazione degli altri genitori. Per esempio, se il bambino soffre di allergie a un alimento, possono invitare gli altri genitori a non preparare merende a base di quel cibo o a raccomandare al proprio figlio di non offrire parte della sua merenda al compagno allergico.  Tutti i genitori possono anche impegnarsi a non intasare l’uscita dell’asilo con le automobili. Parcheggiare lontano dall’ingresso, andare a piedi o con i mezzi pubblici contribuisce a non peggiorare l’inquinamento dell’aria esterna, offrendo maggiori tutele alla salute dei piccoli. Allergici e no.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Voglio un figlio (a 44 anni) ma ho paura che non sia sano: che fare?

27/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La scelta di avere un figlio in età avanzata è personalissima: nessuno specialista può dare consigli al riguardo, solo indicare i rischi a cui si potrebbe andare incontro, in modo da permettere di decidere con consapevolezza.  »

Quarto cesareo a 30 anni: sono proprio tanti i rischi?

26/07/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un quarto cesareo espone la donna a vari rischi che è bene valutare attentamente anche con l'aiuto del ginecologo curante.  »

Paura di aver contratto la toxoplasmosi

28/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Per sapere se malauguratamente si è state contagiate dal Toxoplasma gondii si può fare il toxo test, a partire da 20 giorni dopo l'ingestione dell'alimento che si teme fosse contaminato.   »

Fai la tua domanda agli specialisti