Allergie: i genitori temono di più quelle a latte e uova

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/08/2014 Aggiornato il 12/08/2014

Secondo una recente ricerca, le allergie non preoccupano tutte allo stesso modo mamma e papà: quelle a latte e uova sono più temute

Allergie: i genitori temono di più quelle a latte e uova

Chi l’ha detto che le allergie sono tutti uguali? Agli occhi di mamma e papà non lo sono affatto. Quelle a latte e uova sono più preoccupanti rispetto a quelle agli arachidi e alle noci. Questo, perlomeno, è quanto ha scoperto uno studio condotto da un gruppo di ricercatori americani, dell’American College of Allergy, Asthma and Immunology, pubblicato sugli Annals of Allergy, Asthma and Immunology.

Genitori interrogati

Lo studio ha riguardato 305 genitori di bambini con allergie alimentari. Tutti sono stati invitati a rispondere a dei questionari sui sentimenti provati verso l’allergia dei figli e sulla gestione pratica della stessa. Lo scopo era capire come mamma e papà vivessero la situazione.

Quelle ad arachidi e noci sono più gravi

Dall’analisi dei risultati è emerso che i livelli di timore dei genitori verso le allergie dei figli variano in relazione alla loro tipologia. A preoccupare di più in assoluto sono le allergie a uova e latte. Probabilmente ciò dipende dal fatto che si tratta di due alimenti molto comuni, che si trovano anche aggiunti a molti altri cibi, per cui sono più difficili da evitare. “È un dato strano, considerando che l’allergia a noci e arachidi è più grave. Ma dato che uova e latte si trovano ovunque e sono utilizzati per preparare tanti piatti, i genitori di bimbi allergici a questi due alimenti sono più ansiosi e preoccupati” hanno confermato gli autori.

Servirebbero maggiori informazioni

Si è visto, poi, che la stragrande maggioranza delle mamme e dei papà si lamenta del fatto che è difficile sapere nel dettaglio attraverso le etichette che cosa contengono gli alimenti destinati ai bambini. Tutti spiegano che avere maggiori informazioni e più sicurezze in proposito sarebbe di grande aiuto e ridurrebbe l’ansia legata alla paura di contaminazioni pericolose. 

In breve

LE PIU’ COMUNI

Le allergie alimentari più comuni nei bambini sono quelle a latte, uova, arachidi, noci, pesce, crostacei e cereali.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti