Allergie: la prevenzione passa anche dai probiotici

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 14/07/2014 Aggiornato il 14/07/2014

Allergie bambini: secondo i pediatri, spesso dipendono da alterazioni della flora batterica intestinale. Ecco perché, per prevenirle, è utile usare i probiotici

Allergie: la prevenzione passa anche dai probiotici

Che cosa hanno in comune le allergie e le alterazioni della flora batterica intestinale? Apparentemente nulla. In realtà, la salute dell’intestino gioca un ruolo chiave nello sviluppo di molte malattie, anche di quelle su base allergica. Ecco perché i probiotici risultano preziosi per la prevenzione. Lo hanno spiegato anche i pediatri riuniti in occasione del recente congresso della Società italiana di pediatria.

L’intestino gioca un ruolo strategico

La stragrande maggioranza delle difese immunitarie dell’organismo ha sede nell’intestino. È anche per questa ragione che la salute di quest’organo è così importante. Se l’insieme dei batteri che lo popolano, detto microbiota, è in equilibrio, il sistema di protezione è efficiente. Se, invece, la flora batterica intestinale risulta alterata per qualsiasi motivo organi e tessuti sono più vulnerabili.In queste condizioni è più probabile che compaiano malattie, specialmente nei soggetti deboli, come i bambini. Le più comuni? Allergie, ma anche infezioni respiratorie ricorrenti e infiammazioni dell’intestino.

Un’ulteriore conferma

Un recente studio ha confermato che il microbiota rappresenta un fattore chiavo nello sviluppo di allergie e altre malattie tipiche dell’età pediatrica. Infatti, se normalmente agisce come fattore protettivo contro le infezioni, nel caso in cui subisca delle modificazioni può rendere il piccolo più vulnerabile.

I consigli per i genitori

È alla luce di tutto ciò, che i pediatri suggeriscono di usare fin dalla tenera età i probiotici, microrganismi non patogeni vivi che sono in grado di esercitare una serie di azioni benefiche, in particolare sull’intestino. “Intervenire precocemente sulla microflora intestinale attraverso i probiotici già a partire dall’infanzia, se non addirittura in fase prenatale, contribuisce a proteggere il bambino dallo sviluppo dei disturbi allergici stagionali e di numerose altre patologie. Il microbiota dei bambini è “vergine”: non presenta, infatti, al contrario dell’adulto, una storia precedente, pertanto l’assunzione di batteri favorevoli interviene sul sistema immunitario svolgendo un’azione importante di prevenzione” ha spiegato Susanna Esposito, presidente della Società Italiana di Infettivologia Pediatrica (Sitip). I probiotici si trovano sottoforma di integratori, ma possono essere assunti anche attraverso latte e yogurt.

In breve

I NUMERI DELLE ALLERGIE

Le allergie riguardano ben il 20% della popolazione europea e rappresentano le malattie croniche più comuni nei bambini.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Comportamenti (in)soliti durante il sonno: perché?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Annalisa Pistuddi

Durante il sonno possono verificarsi episodi di regressione che nascono dalla necessità di scaricare tensioni emotive accumulate nelle ore di veglia. E' poco opportuno invadere questo spazio intimo cercando di indurre bruscamente il risveglio.  »

Esami oculistici a inizio gravidanza: ci sono rischi?

10/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Valutare l'opportunità di effettuare determinate indagini oculistiche nelle prime settimane di gravidanza spetta allo specialista a cui ci si affida.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti