Allergie: ne soffrono 5 bambini su 10

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 08/04/2019 Aggiornato il 09/04/2019

Nella settimana mondiale delle allergie, occhi puntati sui bambini, prime vittime di questi disturbi in costante aumento. Tra le cause, anche i cambiamenti ambientali e di stili di vita

Allergie: ne soffrono 5 bambini su 10

Le allergie sono sempre più in aumento soprattutto nei bambini: starnuti, occhi arrossati, naso gocciolante, prurito, lacrimazione degli occhi, tosse continua sono i primi sintomi che possono condurre, in alcuni casi, a problemi respiratori più seri, fino alla comparsa di asma. A livello globale, si stima che tra 300 e 400 milioni di persone soffrano di rinite allergica, spesso aggravata da ambienti interni poco ventilati che creano condizioni ideali per scatenare allergie, problema cui l’Organizzazione Mondiale della Sanità dedica questa settimana.

Diverse cause

”Le allergie – ha dichiarato Daniele Ghiglioni, pediatra allergologo, Fondazione IRCCS Ca’ Granda Ospedale Maggiore Policlinico – sono malattie multifattoriali, cioè determinate da una combinazione di cause ereditarie e ambientali. Tali fattori agiscono sul nostro sistema immunitario modificandolo, cioè inducendolo a rispondere in modo anomalo a sostanze generalmente innocue per la maggior parte della popolazione, come per esempio i pollini”.

In costante aumento

Le allergie sono in costante aumento, soprattutto nei bambini: in Italia, circa il 20% dei bambini ha problemi di allergia, mentre negli anni ’90 ne soffriva solo il 7%. Tra la cause principali di questa impennata, gli stili e le condizioni di vita tipicamente ”occidentali”: inquinamento, stress, fumo, cattiva alimentazione, eccessiva igiene personale.

Come prevenirle

E proprio rivolgendosi alle future mamme, i pediatri della Sipps (Società italiana di pediatria preventiva e sociale) hanno stilato un elenco di semplici misure preventive da seguire fin dai primi giorni della gravidanza e nei primi mesi di vita del neonato: smettere di fumare, contenere se possibile l’esposizione all’inquinamento ambientale, utilizzare alcuni farmaci (antiacidi, paracetamolo, antibiotici) solo se prescritti dal medico, evitare situazioni di stress e di esporre i neonati al fumo passivo, favorire l’allattamento al seno per almeno sei mesi.

I test da fare

Spesso è difficile riconoscere le allergie nei bambini, perché i sintomi iniziali possono sembrare quelli di una semplice influenza o di un raffreddore. Se il genitore sospetta un caso di allergia nel proprio bambino, il primo passo è quello di rivolgersi al pediatra di fiducia, che lo indirizzerà, quando necessario, presso un centro specializzato di allergologia pediatrica. Normalmente, dopo una prima fase di raccolta di informazioni e del quadro dei sintomi, il pediatra allergologo effettuerà alcuni test per verificare la sensibilizzazione a sostanze potenzialmente allergeniche, sia sulla cute (prick test), sia nel sangue (immunoglobuline E o IgE, anticorpi elevati in caso di reazioni allergiche).

 

In breve

SE IL PROBLEMA SONO GLI ACARI

Se il bambino è allergico, vanno messe in atto diverse misure di ”prevenzione secondaria”, cioè azioni che prevengono i sintomi che si sviluppano al contatto con gli allergeni. Per le allergie provocate dagli acari, come sostengono i pediatri Sipps, è molto importante la prevenzione ambientale.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Ho un neo che mi fa paura: aiuto!
17/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

A fronte di un neo diverso dagli altri, specialmente se comparso di recente e con tendenza a modificarsi per forma, colore e dimensione è irrinunciabile sottoporsi tempestivamente a un controllo dermatologico.   »

Bimbo di 16 mesi molto vivace: che fare?
16/07/2019 Gli Specialisti Rispondono

E' normale che a 16 mesi il bambino voglia misurarsi con le sue nuove capacità psicomotorie: quello che gli si deve impedire è di farsi male, ma in generale è meglio non eccedere con i no.  »

Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Fai la tua domanda agli specialisti