Allergie nei bambini: è importante individuarle presto

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 08/05/2013 Aggiornato il 08/05/2013

Per limitare il più possibile i disturbi legati alle allergie nei bambini i genitori devono rivolgersi al pediatra appena si manifestano i primi sintomi sospetti

Allergie nei bambini: è importante individuarle presto

Le allergie nei bambini sono un problema in costante aumento, ma non sempre la diagnosi è facile e tantomeno immediata, perché spesso i sintomi allergici possono essere ricondotti ad altri disturbi. Le allergie nei bambini, poi, in alcuni casi sono limitate ad alcuni periodi particolari (come, per esempio, quello legato a certi pollini), mentre in altri bambini possono durare più a lungo, anche tutto l’anno: è il caso per esempio delle allergie al pelo degli animali (soprattutto del gatto), agli acari della polvere o a più pollini, che coprono quindi diversi mesi dell’anno.

Una corretta diagnosi per una giusta cura

Appena i genitori sospettano la presenza di una o più allergie nel proprio bambino dovrebbero rivolgersi a un pediatra specialista anche in allergologia e immunologia clinica, perché una corretta diagnosi può essere facilitata dalla possibilità di identificare le singole molecole presenti nei pollini, individuando in tal modo a quale polline il bambino è allergico. Solo in questo modo è possibile attuare al più presto la cura adeguata alle allergie nei bambini.

Si procede per gradi: prima la visita, poi il test

Per identificare il polline incriminato “Prima di tutto – spiega Roberto Bernardini, presidente Siaip e direttore della pediatria all’ospedale San Giuseppe di Empoli – è necessaria una corretta anamnesi allergologica che tenga conto, tramite l’aerobiologia, sia della concentrazione di polline presente nell’aria della zona in cui il bambino normalmente vive,  sia dei sintomi riferiti”. Se è possibile, è importante anche visitare il bambino in fase acuta, quando cioè vi è la piena manifestazione dei sintomi. “In seguito – prosegue Bernardini – è necessario eseguire test cutanei”.  Come il prick test che può essere effettuato senza problemi anche sui bambini di un anno di età.

 

 

In breve

COME SI FA IL PRICK TEST

Per identificare le sostanze scatenanti (allergeni) il metodo più usato è il prick-test, cioè prove cutanee che consistono nell’applicazione di estratti allergeni sulla cute dell’avambraccio con lo scopo di rilevare un’eventuale reazione locale di gonfiore e arrossamento. Questo metodo è preciso anche sotto i tre anni di età, anche se la pelle del bambino piccolo libera quantità di istamina inferiori ma sufficienti per la diagnosi.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccinazione in bimba di 5 anni: ci sono pericoli se la mamma è incinta?

04/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante la gravidanza non ci sono rischi se si sottopone il primogenito alla vaccinazione contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite.  »

A 9 mesi legumi sì o no?

03/08/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Chiara Boscaro

I legumi possono essere introdotti nell'alimentazione del bambino a partire dal sesto mese di vita, a patto che siano decorticati.   »

Bimba di due anni problematica: ma lo è davvero?

27/07/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Ci sono casi in cui non è il bambino a essere particolarmente difficile da gestine, ma i genitori a nutrire aspettative sul suo comprotamento che lui, per via della sua età, non può (ancora) soddisfare.  »

Fai la tua domanda agli specialisti