Allergie: più facile “smascherare” quelle nascoste

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 05/08/2016 Aggiornato il 05/08/2016

Ora anche i bambini con allergie non diagnosticabili con i soliti test, possono essere finalmente curati

Allergie: più facile “smascherare” quelle nascoste

Non tutte le allergie sono visibili, ovvero non la totalità delle forme allergiche viene identificata attraverso gli specifici test. Infatti, molti bimbi affetti da allergie restano a lungo non trattati, fino alla comparsa della sintomatologia. Talvolta, anche violenta. Oggi, però, sarà possibile individuare anche quelle allergie nascoste e migliorare la qualità di vita di tanti bambini.

Di che cosa si tratta

Questo tipo di allergia, celata, è una sorta di rinite allergica chiamata Lar (Local allergic rhinitis). E l’équipe che ha reso possibile questa scoperta, attraverso l’utilizzo di recenti procedure di tipo diagnostico, fa parte del Servizio di Immunologia e allergologia pediatrica dell’Università Sapienza di Roma. Nello specifico, si tratta di un test eseguito sulla mucosa nasale al fine di rintracciare questo tipo di rinite.

Stessi sintomi

I sintomi di questa rinite sono del tutto identici a quelli della rinite allergica tradizionale, diagnosticata con i test. Dunque, i bimbi affetti da questo tipo di allergia nascosta presentano starnuti, secrezioni nasali, naso chiuso, fastidio oculare. Il tutto senza che vi sia un’evidenza nei test allergici più tradizionali.

Vantaggi per i bambini

Poter rintracciare questa forma allergica nascosta dà la possibilità a molti bambini di migliorare le loro condizioni di vita. Infatti, a torto, la rinite è sempre stata considerata una manifestazione allergica blanda e di scarso impatto sociale. Invece, questo disturbo influisce negativamente anche sul sonno del bambino, provocando per esempio apnee notturne, e di conseguenza, generando una serie di effetti a catena come scarso rendimento a scuola oppure tendenza a mangiare di più e in modo sregolato. Sono, infatti, ormai note le correlazioni tra mancanza di sonno adeguato e produzione esagerata di cortisolo (ormone dello stress). E tra quest’ultima e aumento degli episodi di fame nervosa e tendenza all’obesità.

 

 

 
 
 

In breve

IN AUMENTO I DISTURBI

Le forme allergiche sono in aumento ed è sempre più complesso diagnosticarle. Molte, infatti, sono allergie nuove e dovute alle differenti condizioni ambientali, all’inquinamento, all’alimentazione e anche allo stile di vita più sedentario dei bambini.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tic in una bimba di tre anni e mezzo

17/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

In presenza di tic che compaiono all'improvviso è buona regola prima di tutto effettuare alcuni specifici esami del sangue e un tampone faringeo per la ricerca dello streptococco.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti