Allergie, troppa pulizia può far male ai bambini!

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 21/08/2019 Aggiornato il 23/08/2019

Pulire sì, ma disinfettare tutto in maniera ossessiva solo perché in casa c'è un bambino può fare più male che bene. Tra le conseguenze, anche l'impennata di allergie

Allergie, troppa pulizia può far male ai bambini!

L’ossessione per la troppa pulizia può essere dannosa. Vivere in ambienti quasi asettici da bambini può aumentare la possibilità di sviluppare presto o tardi allergie.  Secondo alcuni studiosi, infatti, l’aumento delle allergie registrato negli ultimi anni è colpa anche dell’eccesso di igiene cui sono sottoposti i nostri bambini. Oltre ad altri fattori, come l’inquinamento o la vita sedentaria.

I bambini e l’ossessione del pulito

La troppa pulizia è pericolosa. Vivere in un ambiente ai limiti dell’asettico può essere dannoso per il nostro sistema immunitario, soprattutto per quello dei bambini che invece dovrebbe allenarsi a reagire in modo corretto agli stimoli esterni. Non venire a contatto con i microrganismi, per lo più innocui, che popolano le superfici, gli alimenti o che sono nell’aria, incrementa la probabilità che il sistema immunitario dei piccoli risponda poi in maniera anomala a sostanze del tutto normali, aumentando così la possibilità di sviluppare allergie. Non si tratta ovviamente di vivere nella sporcizia, ma di lasciare che i bimbi possano venire a contatto con i germi sporcandosi durante il gioco, stando all’aperto, frequentando i loro coetanei. 

L’ipotesi dell’igiene

Le allergie stanno vivendo un periodo di forte sviluppo: ad esempio si stima che tra il 10 e il 30% della popolazione sia affetta da rinite allergica. Gianluigi Micarelli, allergologo del Centro Medico Santagostino, ha spiegato come, secondo la cosiddetta “ipotesi dell’igiene ” del 1989, l’inglese Strachan osservò che i figli unici erano più frequentemente asmatici, e spiegò tale dato con la ridotta esposizione ad agenti virali, batterici e parassiti.

Meno malattie infettive, più allergie

Si arrivò a ipotizzare che la ridotta incidenza di malattie infettive conseguente al miglioramento delle condizioni di vita ed all’aumento dell’igiene soprattutto in ambiente domestico ma anche nel settore alimentare potesse “riprogrammare” il sistema immunitario favorendo la comparsa di allergie tramite una maggiore produzione di IgE, gli anticorpi responsabili delle allergie, al posto di IgM, IgG, IgA, prodotti in risposta alle infezioni.

Colpa anche di inquinamento e cattive abitudini

Oltre all’eccesso di igiene, ci sono numerosi altri fattori che contribuiscono a spiegare l’aumento di patologie allergiche. L’aumentata temperatura in casa, la coibentazione, l’uso di moquettes e tappeti, che favoriscono l’esposizione a potenziali allergeni come gli acari della polvere. Anche l’aumento delle polveri sottili (come il particolato diesel) può aumentare l’insorgenza di allergie respiratorie. Una vita sedentaria può determinare anche la comparsa di spasmo bronchiale, che rappresenta l’anticamera dell’asma allergico, soprattutto nell’infanzia.

 

VUOI SAPERE DI PIÙ SU CAUSE E CURE DELLE ALLERGIE? LEGGI QUI

 
 
 

In breve

 

LASCIARLI SPORCARE

Per diminuire il rischio di sviluppare allergie è importante lasciare che i bambini ogni tanto “si sporchino le mani”; non bisogna esagerare con l’igiene quotidiana e preferire detergenti che rispettino il pH naturale della cute; va favorito il contatto con la natura in maniera sana ed equilibrata.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Positiva allo streptococco a qualche settimana dal parto

19/04/2021 Bambino di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui il tampone rivelasse una positività allo streptococco, al momento del parto viene effettuata una profilassi antibiotica per evitare che il bambino venga contagiato dal batterio durante il passaggio all'esterno.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Smettere di allattare e sensi di colpa

27/03/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Le mamme sono specializzate in sensi di colpa, ma forse riuscirebbero a nutrirne di meno se solo acquisissero la consapevolezza che la tristezza e l'ansia che ne derivano non fanno bene alla serenità del bambino.   »

Fai la tua domanda agli specialisti