Allergie: un bambino su due è a rischio

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 25/06/2019 Aggiornato il 25/06/2019

Il numero di bimbi che soffrono di allergie è in continuo aumento, anche per colpa dei cambiamenti climatici

Allergie: un bambino su due è a rischio

Negli ultimi 20 anni, in Italia, la percentuale dei bimbi con problemi di allergie è passata dal 7 al 25%. I piccoli con la rinite (infiammazione della mucosa nasale) sono un milione, quelli con l’asma 630mila e 490mila quelli con dermatite atopica.

Il futuro è a rischio

I cambiamenti climatici non aiutano: i ricercatori stimano che il numero di pollini prodotti da diverse varietà di piante raddoppierà entro il 2040-50. Secondo Gian Luigi Marseglia, presidente della Siaip (Società italiana di allergologia e immunologia pediatrica) e direttore della clinica pediatrica dell’università di Pavia, in base a studi di proiezione che hanno valutato la crescita delle malattie allergiche sulla base di algoritmi, in futuro un bimbo su due sotto i 14 anni sarà a rischio di rinite allergica.

Le cause sono più di una

Ormai sappiamo che si può diventare allergici a qualsiasi età. La presenza di familiari con allergia aumenta il rischio. Oltre ai fattori genetici però, incidono alcune condizioni ambientali quali i cambiamenti climatici con l’allungarsi della stagione dei pollini, l’inquinamento, il fumo passivo, il riscaldamento nelle case che favorisce il proliferare di acari. Alcuni dati dimostrano che i soggetti immigrati provenienti da Paesi in cui le allergie non sono molto frequenti in pochissimo tempo le sviluppano anche da noi. In parallelo all’aumento delle allergie avanzano, fortunatamente, anche la ricerca e le armi farmacologiche disponibili. In particolare, innovative tecniche molecolari consentono di avere diagnosi più mirate e cure personalizzate in base alle caratteristiche del singolo paziente.

Le nuove cure

Il vantaggio delle nuove tecniche di diagnostica molecolare è la possibilità di identificare in maniera più precisa le singole proteine responsabili di reazioni allergiche e questo consente di personalizzare al massimo la terapia. Oggi quindi è possibile adattare il vaccino desensibilizzante (immunoterapia specifica) per le allergie respiratorie alle esigenze di ogni singolo paziente e realizzare anche una miglior gestione della dieta per quanto riguarda le allergie alimentari.

 

 

Da sapere!

È bene non sottovalutare i sintomi: se il bambino inizia a starnutire spesso, con secrezioni da occhi e naso, o anche improvvise epistassi legate al fatto che si tocca il nasino perché ha prurito, è il caso di consultare il pediatra, che potrà indirizzare al più presto verso le prove allergiche.

 

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio sull’intervallo di somministrazione dei vaccini

11/11/2019 Gli Specialisti Rispondono di Professore Alberto Villani

Per ogni vaccino, compreso l'anti-meningococco B, è stato individuato l'intervallo tra la somministrazione delle dosi che assicura la migliore risposta del sistema di difesa naturale e, quindi, la migliore protezione.   »

Ovulazione: può verificarsi anche se si prende la pillola?

31/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Ci sono casi in cui, nonostante l'assunzione del contraccettivo orale, la donna continua a essere fertile: accade, per esempio, se è in sovrappeso.   »

Svezzamento: quali regole seguire?

30/10/2019 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

le linee guida relative allo svezzamento sono molto cambiate rispetto ad alcuni anni fa: oggi vi è molta più libertà d'azione, da usare però secondo i criteri dettati dal buon senso. Ma se si vuole andare "alla vecchia", nulla lo vieta.   »

Fai la tua domanda agli specialisti