Allergy Control: ecco l’app per le allergie dei bambini

Redazione
A cura di “La Redazione”
Pubblicato il 18/09/2015 Aggiornato il 18/09/2015

È disponibile una app per le allergie dei bambini: si chiama Allergy Control, è gratuita e promette di essere un valido alleato dei genitori

Allergy Control: ecco l’app per le allergie dei bambini

Le allergie infantili sono un problema sempre più diffuso e conoscere la concentrazione e la tipologia degli allergeni può essere davvero risolutivo per i genitori. A questo scopo è nata Allergy Control, una app per le allergie dei bambini, gratuita e patrocinata da FederAsma e Allergie Onlus – Federazione Italiana Pazienti.

Che cos’è Allergy Control

Questa innovativa app per le allergie dei bambini ha come scopo quello di monitorare la situazione allergeni secondo differenti variabili, in modo da poter gestire in maniera efficace l’Immunoterapia Allergene Specifica (AIT). Quest’ultima è, a oggi, l’unica terapia risolutoria per le allergie, poiché interviene alla radice dei fenomeni allergici. La rivoluzionaria app per le allergie dei bambini, inoltre, è ricca di consigli utili del pediatra e di risposte alle più comuni domande dei genitori.

Emergenza allergie respiratorie

Secondo il dottor Salvatore Barberi, responsabile interno della S.C. di Pediatria del P.O. Macedonio Melloni e aiuto della S.C. di Pediatria dell’ospedale Fatebenefratelli di Milano, le allergie maggiormente diffuse tra i bambini sono proprio quelle di tipo respiratorio. Addirittura, la previsione per il 2020 parla di un 10% della popolazione infantile affetta da questo tipo di fenomeni allergici. Protagonista di questo scenario è la rinite allergica, il “raffreddore” più diffuso tra i piccoli allergici.

Il percorso da seguire

Quando un bambino mostra segni di difficoltà respiratoria, asma e riniti frequenti, è necessario l’intervento dell’allergologo per stabilire, attraverso specifici test, se si tratti o meno di allergia e quale sia l’allergene responsabile dei disturbi. A questo punto, si interviene con l’Immunoterapia Allergene Specifica. Ma il rapporto specialista-famiglia non si ferma a diagnosi e terapia, va oltre. Infatti, il percorso intero ha una durata variabile tra i 3 e i 5 anni. Anche per questo motivo, Allergy Control ha deciso di proporsi come riserva di preziosi consigli pediatrici rivolti proprio a quelle mamme e a quei papà coinvolti in tale percorso.

Allergia ai pollini, la più diffusa

Gli italiani, da recenti analisi e sondaggi, risultano essere un popolo di allergici. In particolari modo, il fenomeno allergico più diffuso è quello scatenato dai pollini. A confermarlo è il professor Giorgio Walter Canonica, Direttore della Clinica di Malattie dell’Apparato Respiratorio e Allergologia OspedaleSan Martino a Genova. Secondo i dati raccolti, infatti, a soffrire di allergia ai pollini sarebbero ben 12 milioni di Italiani, con sintomatologia più o meno acuta. Nello specifico, gli allergeni rilevati, e considerati anche nella app Allergy Control, sono tre: graminacee, ambrosia e acari.

 

 
 
 

da sapere!

Per tenere sotto controllo le allergie sono fondamentali sia una diagnosi precoce sia un monitoraggio costante degli allergeni.

 

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana
Quanto peserà il mio bambino?
21/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

L'ecografia fornisce una stima del peso del bambino, che va considerata con prudenza in quanto il margine di errore in più o in meno è circa del 10 per cento. Indicare quanto peserà esattamente il bambino alla nascita non è dunque possibile.   »

Ancora podalico in 31ma settimana
17/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Il bambino può "mettere la testa a posto", ossia assumere la posizione cefalica, anche quando mancano solo poche settimane alla data del parto.   »

Gemellino che all’improvviso si comporta male
03/06/2019 Gli Specialisti Rispondono

Dietro ad atteggiamenti che all'improvviso diventano aggressivi e difficili da gestire c'è sempre una rabbia che il bambino deve imparare ad allontanare. Fargliela disegnare può essere d'aiuto.   »

Fai la tua domanda agli specialisti