Ambulatorio anti-allergie per donne in gravidanza e neonati

Roberta Camisasca A cura di Roberta Camisasca Pubblicato il 04/02/2019 Aggiornato il 04/02/2019

È attivo a Roma un ambulatorio per prevenire le allergie e le malattie correlate nelle donne in gravidanza e nei neonati ad alto rischio

Ambulatorio anti-allergie per donne in gravidanza e neonati

È rivolto a donne in gravidanza e neonati ad alto rischio di allergie il nuovo ambulatorio anti-allergie aperto all’ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma. In particolare possono accedervi i neonati entro il 28° giorno di vita ad alto rischio allergico, vale a dire con almeno un parente di primo grado (mamma, papà o fratellino) affetti da allergia. L’ambulatorio anti-allergie è attivo presso la sede di Roma – San Paolo e svolge attività di prevenzione delle varie patologie allergiche (rinite, asma, dermatite atopica, allergia alimentare o ai farmaci) con interventi precoci sulla dieta e sugli stili di vita di donne in gravidanza e neonati.

La situazione in Italia

Nel nostro Paese le varie forme di allergie colpiscono circa 25 bambini su 100. Possono comparire a ogni età, anche nel primo anno di vita, e sono influenzate dall’ambiente e dalla predisposizione genetica. Se mamma e papà non sono allergici, il rischio è del 10 – 15%. La percentuale sale al 30% se uno dei genitori è allergico, se lo sono entrambi si arriva anche all’80%.

Come si può intervenire

È scientificamente provato che interventi precoci sulla dieta e sulle abitudini di vita di donne in gravidanza e neonati entro le prime 4 settimane dalla nascita riducono il rischio di sviluppare allergie nel corso della crescita. Con l’attività del nuovo ambulatorio anti-allergie, gli specialisti stimano una diminuzione del 15% delle dermatiti atopiche che rappresentano la prima tappa della marcia allergica dei bambini.

L’arma dell’allattamento al seno

La prima indicazione contro le allergie è l’allattamento al seno. Se il latte materno non è disponibile, viene valutata la sostituzione con preparati ipoallergenici. Il team di allergologi dà poi indicazioni di base come lo stop al fumo di sigaretta e alle attività che causano stress e, sul fronte della dieta, oltre al consumo di fibre, frutta e verdura, viene consigliata l’eventuale introduzione di antiossidanti, prebiotici e probiotici. Questi ultimi vengono raccomandati nelle Linee guida della World Allergy Organization – in determinate situazioni – come terapia preventiva delle allergie, soprattutto l’eczema. Per info: prevenzione.allergie@opbg.net o 06.6859.2309. L’appuntamento può essere pianificato anche prima del parto.

 
 
 

Da sapere!

La marcia atopica è la predisposizione a sviluppare, in maniera conseguente o simultanea, più malattie atopiche, che si ritiene causate dallo stesso meccanismo di tipo infiammatorio.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Un figlio con il diabete insulino-dipendente: si può?

21/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Nel caso in cui si voglia affrontare una gravidanza dopo i 40 anni e con il diabete, è opportuno farsi seguire da un centro specializzato.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti