Allergie in aumento: cause e origine

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 19/01/2015 Aggiornato il 02/08/2018

Sulle pagine dei giornali si legge spesso che i problemi allergici sono in aumento. Questo è vero tanto in Italia quanto nel resto dei Paesi occidentali: sono in crescita sia i nuovi casi sia il numero di individui che soffrono di allergie le quali, una volta comparse, difficilmente scompaiono

Allergie: un aiuto dai probiotici?

Le allergie sono sempre più diffuse, specie in età pediatrica (in Italia si stima siano interessati il 30% dei bambini). Sono condizioni che hanno una forte componente genetica (ereditaria) ma per l’espressione clinica risentono fortemente dell’influenza ambientale (l’aumento registrato nelle ultime decadi ha interessato essenzialmente i paesi più ricchi e sviluppati). Le allergie alimentari sono più frequenti nei primi anni di vita (circa il 5% dei bambini) mentre le allergie respiratorie (dovute per esempio ai pollini o agli acari della polvere) compaiono più avanti, nell’età scolare, diventando più mature e con maggiore intensità di sintomi nell’adolescente.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Contrazioni precoci: può accadere anche nella seconda gravidanza?

27/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Bisogna mettere in conto che l'accorciamento della cervice, determinato dalla comparsa, molto prima del tempo, di contrazioni uterine, è un'eventualità che può ripresentarsi a ogni successiva gravidanza.   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti