Le allergie da cosa dipendono?

Professor Giorgio Longo A cura di Professor Giorgio Longo Pubblicato il 19/01/2015 Aggiornato il 02/08/2018

Sono ancora tante le teorie sullo sviluppo delle allergie. Di certo si sa che dipendono da una certa predisposizione ereditaria

Allergie nei bambini: è importante individuarle presto

L’allergia è una risposta su base immunologica verso sostanze comuni (proteine alimentari; pollini; acari; epiteli animali) che risultano altresì innocue per i soggetti senza predisposizione allergica. Queste sostanze sono chiamate “allergeni”.  Il soggetto allergico a uno o più di questi allergeni venendo a contatto con essi (per inalazione o ingestione) reagisce producendo particolari anticorpi, detti IgE. Il contatto tra le IgE e l’allergene in causa produce una serie di eventi che ha come risultato finale un’eccessiva e brusca liberazione di istamina che è la causa principale dei sintomi allergici, sia cutanei (prurito, orticaria e angioedema) che respiratori (starnuti, secrezione di muco dal naso, congiuntivite e broncospasmo).

Oltre al meccanismo legato alla produzione di anticorpi IgE ci sono anche altri meccanismi immunologici (e quindi sempre definibili come “allergici”) che possono creare disturbi. Di questi va ricordata la dermatite eczematosa da contatto cutaneo (la più comune è quella da sensibilizzazione verso i metalli, più comunemente il Nichel); e quelle, molto più rare, a espressione soltanto gastrointestinale (vomito, diarrea muco ematica, arresto della crescita) per allergia verso proteine alimentari (il più comune il latte vaccino) che si manifestano più tipicamente nei primi mesi di vita.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Bimbo di 9 mesi che si sveglia numerose volte ogni notte

23/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Roberta Levi

L'imperativo è "armarsi di pazienza" perché i risvegli notturni non si risolvono da un momento all'altro. Ci vogliono tempo e qualche trucco "da mamma".   »

Perché si parla di polipo “sospetto”?

17/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Attraverso l'ecografia si può solo "sospettare" la presenza di un polipo all'interno dell'utero, ma per avere la certezza occorre effettuare altre indagini.   »

Integrazione di vitamina D: fino a che età è consigliata?

16/01/2023 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

La decisione di continuare a somministrare al bambino la vitamina D anche dopo l'anno di vita va presa con l'aiuto del pediatra curante, che ben conosce i propri piccoli pazienti grazie ai controlli periodici.   »

Fai la tua domanda agli specialisti