Intolleranze alimentari: asma e arachidi sono legate?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 16/07/2015 Aggiornato il 16/07/2015

Tra i sintomi delle intolleranze alimentari nei bambini ci può essere anche l’asma. Molti bambini soggetti ad asma hanno una sensibilità o un'allergia alle arachidi ma non lo sanno. Nel dubbio, meglio fare un test specifico

Intolleranze alimentari: asma e arachidi sono legate?

Una ricerca presentata all’American Thoracic Society International Conference a Denver ha dimostrato una possibile correlazione tra la malattia respiratoria dell’asma e l’allergia alle arachidi di cui però spesso i bambini stessi ne non ne sono informati.

Sintomi simili

“Molti dei sintomi respiratori dell’allergia alle arachidi possono rispecchiare quelli di un attacco d’asma, e viceversa. Esempi di questi sintomi includono mancanza di respiro, affanno e tosse” ha spiegato Robert Cohn, autore della ricerca.

Lo studio su oltre 1500 bambini

I ricercatori hanno esaminato 1.517 bambini in cura presso la clinica polmonare pediatrica del Mercy Children’s Hospital di Toledo. Si è voluto innanzitutto verificare quanti fossero allergici alle arachidi, con specifici  esami o una storia documentata di allergia a questo tipo di frutta secca.

Analizzati gli anticorpi nel sangue

I bambini sono stati considerati positivi all’allergia alle arachidi con un apposito esame del sangue, che andava a valutare specifici anticorpi IgE presenti in caso di allergia.

Spesso compaiono insieme

I risultati dello studio hanno evidenziato che 163 bambini, circa l’11%, aveva una storia documentata di allergia alle arachidi; inoltre quasi il 44% (665) aveva effettuato prove specifiche di IgE a un certo punto per verificare l’allergia alle arachidi e di quest’ultimo gruppo in 148 circa, il 22%, è stato rilevato un test positivo alla sensibilità arachidi. Più della metà di questi bambini e delle loro famiglie non sospettava ci fosse alcuna sensibilità alle arachidi.

Che cos’è l’asma

L’asma è la più frequente malattia cronica dell’infanzia e negli ultimi anni la sua prevalenza, specie nei bambini, sembra in crescita. Solo in Italia colpisce circa il 10% dei bambini, può comparire ad ogni età ed essere determinata da varie infezioni delle vie respiratorie, fattori ambientali e reazioni allergiche. Se i sintomi dell’asma sono presenti per più giorni o più notti a settimana, bisogna portare il bambino dal medico per rivalutare la terapia e riprendere il controllo dell’asma.

Attenzione alle arachidi

Le arachidi sono tra i più comuni e diffusi allergeni alimentari. Fanno parte della famiglia delle leguminose, come i piselli, i fagioli, le lenticchie e la soia. Questo non implica che chi è affetto da allergia alle arachidi, lo sia necessariamente anche agli altri legumi (infatti solo il 5% dei pazienti allergici all’arachide è allergico anche ad altri legumi).

 

VUOI SAPERNE DI PIÙ SULLE ALLERGIE? LEGGI QUI

 

 

 

 
 
 

In breve

 

IN CASO DI ASMA, FATE UN CONTROLLO

Raccomandazione per i genitori: “Questo studio dimostra i bambini con asma potrebbero beneficiare di un test per la sensibilità di arachidi, soprattutto quando il controllo del respiro affannoso e della tosse è difficile”.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti