Le allergie non vanno in vacanza, più attenzioni per i bambini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 01/07/2019 Aggiornato il 03/07/2019

Anche in estate possono diventare vere e proprie “compagne di viaggio” dei bambini perché, purtroppo, le allergie non vanno in vacanza...

Le allergie non vanno in vacanza, più attenzioni per i bambini

Chi pensa che le allergie siano una prerogativa della primavera si sbaglia di grosso.  Anche in estate, infatti, bisogna tenere conto che possono diventare vere e proprie “compagne di viaggio” al mare, in montagna o in collina. Dalla Società italiana di allergologia e immunologia pediatrica arrivano, dunque, i consigli per i bambini che soffrono di allergia, un problema che in Italia interessa due bambini su cinque.

Scegliere il mezzo di trasporto adeguato

Per chi si mette in viaggio, già il mezzo di trasporto usato (auto, aereo o treno) suggerisce la scelta di alcuni accorgimenti. Se si è allergici ai pollini, quando ci si sposta in automobile è meglio tenere i finestrini chiusi e usare l’aria condizionata (possibilmente con filtri auto antipolline) durante il tragitto. Se invece sono gli acari a causare allergia e ci si muove in treno, converrà portare cuscini antiacaro per non esporre i bambini a potenziali crisi  di allergia.

La meta migliore

Mare o montagna per le vacanze di chi è allergico? “Dipende dal tipo di allergia – spiega Roberto Bernardini,  presidente della Siaip -. Se un bambino è allergico agli acari (fra le principali cause degli attacchi d’asma), meglio mete con un clima secco. In questo caso, la montagna oltre i 1.500 metri è l’ideale. Se, invece, il bambino è allergico alle muffe, qualsiasi clima secco – di mare o di montagna – va bene”. Per mettersi in viaggio, poi, secondo gli allergologi bisognerebbe optare per le prime ore del mattino o la sera, quando la concentrazione di pollini nell’aria è minore.

Attenzione anche alle intolleranze alimentari

E ora i consigli per chi soffre di intolleranze o allergie alimentari: se si decide di mangiare nel vagone ristorante del treno o a bordo dell’aereo è opportuno sapere con esattezza che cosa si ordina per evitare possibili reazioni allergiche causate da alcuni ingredienti. Lo stesso vale ogni volta che si mangia fuori casa; è sempre meglio dichiarare le allergie alimentari e portare con sé i farmaci per il primo intervento. Tra gli alimenti maggiormente coinvolti in questi tipi di allergie ci sono il latte, le uova, la soia, le arachidi, le nocciole, il pesce, i crostacei.

In breve

UN PROBLEMA IN PIU’: LE PUNTURE DI INSETTO

Rimanendo maggiormente all’aperto, aumentano anche le possibilità di punture di insetti, come api, vespe e calabroni che, pungendo la pelle, iniettano sostanze nocive che provocano bruciore, rossore, dolore e prurito. Questa reazione, generalmente immediata, è assolutamente normale se localizzata nella sede della puntura e se è limitata nell’estensione, nella gravità e nella durata. Si parla invece di allergia al veleno degli insetti quando la reazione avversa è eccessiva (shock anafilattico).

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pillola dimenticata: è alto il rischio di gravidanza?

01/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Se ci si dimentica di assumere il contraccettivo orale, basta prenderlo entro 12 ore dall'abituale per non correre rischi.   »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti