L’omeopatia aiuta a combattere l’allergia ai pollini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 10/04/2015 Aggiornato il 10/04/2015

In questo periodo sono moltissime le persone, grandi e piccoli, alle prese con la rinite da pollini. Per stare meglio si può usare l’omeopatia. Ecco come

L’omeopatia aiuta a combattere l’allergia ai pollini

In questa stagione, i pollini si riversano abbondanti nell’aria. Il risultato? Fino al 50% della popolazione, di tutte le età, soffre di rinite allergica. A questa percentuale, si aggiungono quelle delle persone che vanno incontro a congiuntivite e irritazione oculare. In tutti questi casi, per stare meglio si può chiedere aiuto all’omeopatia.

Adatta anche ai bambini

L’omeopatia è una medicina naturale che si basa sull’utilizzo di rimedi del mondo vegetale, minerale e animale per curare vari disturbi. L’assenza di effetti indesiderati e di tossicità la rende adatta anche ai bambini e alle persone anziane. È particolarmente utile per curare le allergie. Infatti, l’assenza di interazioni con farmaci di sintesi chimica permette di seguire anche altre cure, per esempio a base di antistaminici specifici. Inoltre, i medicinali omeopatici possono essere somministrati per lunghi periodi, anche più volte al giorno, poiché non comportano difficoltà di concentrazione e attenzione. Quindi, possono essere impiegati per tutto il periodo dell’impollinazione. Se non indicato diversamente, nelle fasi acute i medicinali omeopatici possono essere presi anche ogni una-due ore (cinque granuli alla volta), diradando la somministrazione al miglioramento della situazione.

I rimedi più utili

La rinite allergica è un’infiammazione della mucosa del naso, che si manifesta con starnuti consecutivi, naso chiuso e “gocciolante”, secrezioni molto liquide, solletico alla gola. “Alla comparsa dei primi sintomi, si può usare una specialità a base di sei medicinali omeopatici selezionati per la loro azione sintomatica: Allium cepa 5 CH, Ambrosia artemisiaefolia 5 CH, Euphrasia officinalis 5 CH, Histaminum muriaticum 9 CH, Sabadilla officinarum 5 CH e Solidago virga aurea 5 CH. La posologia corretta è di cinque granuli da tre a sei volte al giorno, a seconda dell’intensità dei sintomi” consiglia la dottoressa Fulvia Spallino, medico di famiglia, esperta in omeopatia a Roma. Chi soffre di starnuti e rinorrea non irritante può usare Nux vomica 9 CH oppure Sabadilla  9 CH. Quando l’irritazione al naso (e spesso anche a occhi) è intensa si può ricorrere a Kalium iodatum 9 CH, mentre quando si avverte bruciore si può usare Allium cepa 9 CH.

In caso di congiuntivite

Per congiuntivite allergica si intende l’infiammazione della congiuntiva, la membrana che riveste esternamente il bulbo oculare e la parte interna delle palpebre. Si manifesta con bruciore, arrossamento, la sensazione di un corpo estraneo nell’occhio e talvolta lacrimazione abbondante. “Ai primi sintomi si può usare un collirio a base di Euphrasia officinalis e Chamomilla vulgaris. Ne vanno applicate due gocce per quattro volte al giorno. Comunque si può ripetere l’applicazione al bisogno” consiglia l’esperta. In caso di irritazione sia al naso sia agli occhi si può usare Kalium iodatum 9 CH.

 

 

 

In breve

I CONSIGLI UTILI

L’omeopatia è molto efficace contro le allergie ai pollini. Per ottenere effetti ancora maggiori, però, è importante anche seguire alcune semplici regole, come evitare di consumare alimenti allergizzanti, tipo fragole e frutti di mare, che possono amplificare le reazioni; tenere chiuse le finestre durante le ore centrali della giornata; non viaggiare in auto o in treno con i finestrini abbassati.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Feto che cresce poco: può avere anomalie?

19/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

Non è possibile stabilire se il feto abbia malformazioni o sia interessato da un'alterazione cromosomica semplicemente basandosi sul fatto che la sua crescita è al 3° percentile. Oggi si dispone di indagini di screening che possono dare informazioni sulla sua salute, ma se si decide di non effettuarle...  »

Bimba che dopo l’addio al pannolino si rifiuta di fare la cacca: che fare?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

Un piccolo rituale da osservare all'occorrenza, qualche accorgimento per rendere il momento confortevole, uniti a tanta pazienza e a un atteggiamento sereno a poco a poco riescono a indurre il bambino a utilizzare il vasino e, più avanti, la tazza del wc.  »

Dopo un aborto spontaneo quanto tempo ci vuole per cominciare un’altra gravidanza?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Augusto Enrico Semprini

Se un primo concepimento è avvenuto in pochi mesi, ci sono altissime probabilità (addirittura il 100%!) di avviare una nuova gravidanza entro sei mesi dall'aborto spontaneo.   »

Non mangiare frutta e verdura durante la gravidanza può essere pericoloso?

15/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se si teme una carenza di vitamina C perché con l'inizio della gravidanza è nata un'avversione verso la frutta e la verdura, si può correre ai ripari assumendo quotidianamente, per esempio, spremute di agrumi o kiwi, che ne sono ricchissimi.   »

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti