Pollini: un sito per sapere in anticipo dove si trovano

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 13/03/2013 Aggiornato il 13/03/2013

Un sito ufficiale utile a chi soffre di allergie: indica per tutti i pollini, suddivisi per pianta, la concentrazione nelle varie aree italiane settimana per settimana

Pollini: un sito per sapere in anticipo dove si trovano

Una delle regole per chi soffre di allergia è quella di conoscere in anticipo dove e quando ci sarà il picco di diffusione dei pollini. Ecco che arriva in aiuto di tutti gli allergici ai pollini un sito che dà informazioni ufficiali sulla loro diffusione. È www.meteopolline.it, gestito dall’Associazione Italiana di Aerobiologia (AIA).

Previsioni settimanali

Il sito offre a tutti gli allergici che lo desiderano un servizio settimanale di previsione delle concentrazioni dei pollini suddivisi per tipologia di pianta e per area geografica. In questo modo è possibile monitorare l’andamento dei pollini e provvedere per tempo alle difese.

Su misura

Il servizio è fruibile da marzo a ottobre on line sul sito o, per chi lo vuole, anche tramite sms o email. Basterà compilare un format online per essere sempre informati in base all’area geografica e alla famiglia di piante di interesse.

In più informazioni sulle allergie

Il sito offre poi tante notizie sull’allergia e su come affrontarla in modo corretto e un test per valutare se è il caso di approfondire una possibile allergia con il medico e il farmacista. 

In breve

OCCHI ROSSI? PUÒ ESSERE ALLERGIA

I primi sintomi della congiuntivite allergica causata dai pollini sono proprio occhi rossi, fastidio, lacrimazione e prurito. Se il tuo bimbo li ha sempre arrossati, falli vedere dal pediatra per verificare se si tratta di allergia.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Dubbio dopo l’ecografia: il bimbo potrebbe essere basso di statura?

15/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elsa Viora

I fattori che determinano la crescita durante la vita intrauterina sono diversi da quelli che la influenzano dopo la nascita: un bambino che viene alla luce di due chili potrebbe, da adulto, tranquillamente arrivare ai 190 centimetri di statura, un neonato di 4 chili potrebbe non superare i 170 centimetri....  »

Lievissime perdite di sangue a inizio gravidanza: c’è da spaventarsi?

12/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Un lieve sanguinamento nel primo periodo della gravidanza può non essere significativo e questo vale soprattutto se l'ecografia accerta la presenza, in normale evoluzione, della camera gestazionale e dell'embrione.  »

Psicofarmaci in gravidanza: è giusto sospenderli?

05/09/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

L'impiego degli SSRI è compatibile con lo stato di gravidanza e non espone a particolari rischi, mentre può essere pericoloso sospenderli o anche solo diminuirne il dosaggio rispetto a quello necessario per controllare il disturbo dell'umore.   »

Piccolissimo con diagnosi di reflusso: che fare?

31/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

Non bisogna immediatamente giungere alla conclusione che il rigurgito del latte dopo le poppate, frequentissimo nei primissimi mesi di vita, sia segno di una patologia. Molto più spesso è solo l'espressione di un'immaturità dei meccanismi che impediscono ai liquidi di risalire dallo stomano all'esofago,...  »

Gravidanza che sta durando più di 40 settimane: perché?

29/08/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Una durata della gravidanza compresa tra le 38 e le 42 settimane rientra nella normalità. A influenzare la lunghezza della gravidanza è anche la familiarità.  »

Fai la tua domanda agli specialisti