La prima manifestazione allergica già dallo svezzamento

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/01/2015 Aggiornato il 27/01/2015

Uno dei problemi più frequenti in pediatria è rappresentato dalle allergie alimentari: si tratta, infatti, di manifestazioni che tendono a presentarsi sin dai primi mesi di vita del piccolo

Prime pappe a 4 mesi di età per l’alimentazione del bambino

Di solito, queste forme interessano i bambini dallo svezzamento fino ai due anni. In alcuni casi l’allergia tende a permanere a lungo, anche per tutta la vita o può comparire in qualsiasi momento, senza preavviso anche in un individuo che apparentemente non sembrava avere predisposizione. Con la pubertà, in compenso, a causa dei cambiamenti ormonali tipici di questa fase, in alcuni casi si può verificare la scomparsa completa di un’allergia. L’allergia a un alimento può essere seguita nel tempo dalla comparsa di forme respiratorie, anche perché alcune sostanze presenti nei cibi si possono ritrovare in alcune piante, come sarà illustrato più avanti a proposito delle reazioni crociate. Si tratta della cosiddetta “marcia allergica”: le allergie possono evolversi nel tempo, passando da forme tipicamente alimentari a disturbi respiratori.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Pillola dimenticata: è alto il rischio di gravidanza?

01/06/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Gaetano Perrini

Se ci si dimentica di assumere il contraccettivo orale, basta prenderlo entro 12 ore dall'abituale per non correre rischi.   »

Educazione di una piccina: quali istruzioni vanno seguite?

27/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I bambini non sono robot: non ci si può aspettare che basti impartire una semplice dritta per ottenere i comportamenti desiderati.   »

Fertilità della donna dopo i 40 anni: cosa la influenza?

19/05/2020 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

L'età anagrafica condiziona fortemente la possibilità di concepire. Ma non solo: altri fattori entrano in gioco e tra questi c'è il peso corporeo.  »

Fai la tua domanda agli specialisti