Probiotici contro le allergie

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 28/07/2016 Aggiornato il 28/07/2016

La prevenzione delle allergie con i probiotici è particolarmente efficace nei bambini. Di che cosa si tratta

Probiotici contro le allergie

Negli ultimi anni abbiamo assistito, in particolar modo nelle società con elevato livello d’industrializzazione, a una progressiva crescita di patologie autoimmuni e di patologie su base allergica. L’assunzione di probiotici, per i bambini, però potrebbe aiutarne la prevenzione. 

In aumento le allergie

Secondo Etta Finocchiaro, specialista in dietologia e scienza dell’alimentazione presso l’A.O.U. Città della Salute e della Scienza di Torino, le cause dell’odierno grande incremento delle patologie allergiche, paradossalmente, vanno in parte ricercate nel netto miglioramento delle nostre condizioni di vita, che hanno comportato lo sviluppo di elevati standard igienici, la possibilità di ridurre il manifestarsi di infezioni ricorrendo ai vaccini, e di combatterle, grazie all’uso di antibiotici. Tutti questi fattori in pratica hanno indebolito la risposta immunitaria del nostro organism, alterandone la capacità di reazione.

Intervenire sulla flora batterica

È dimostrato che il corretto funzionamento del sistema immunitario del nostro organismo è fortemente influenzato dalla composizione della flora batterica intestinale. Intervenire su di essa per ripristinarne l’equilibrio, consente di agire sullo sviluppo e sul mantenimento delle nostre difese immunitarie. Un recente documento dell’organizzazione mondiale degli allergologi (Wao) ha messo in chiaro che esistono evidenze statisticamente significative degli effetti benefici per tutti i tipi di allergie in seguito all’assunzione di probiotici, sebbene gli effetti maggiori si abbiano nei casi di eczema. In particolare, le raccomandazioni sono rivolte a tutti quei bambini considerati a rischio, ovvero quelli i cui genitori o un fratello abbiano già un’allergia diagnosticata.

I probiotici più resistenti

I probiotici non sono tutti uguali: ogni ceppo ha le sue specificità e va considerato in relazione alla patologia da trattare. La corretta scelta della combinazione da utilizzare è una condizione fondamentale per la riuscita della terapia. Studi recenti hanno dimostrato come i due ceppi, il Bifidobacterium longum BB536 e il Lactobacillus rhamnosus HN001, siano in grado di sopravvivere alle avverse condizioni gastrointestinali e di interagire con l’ambiente circostante, mantenendo tutti i vantaggi della loro attività sinergica.

 

 

 
 
 

In breve

PERCHÈ I BAMBINI REAGISCONO MEGLIO

Tra i fattori che concorrono alla riuscita della terapia, l’età è quello maggiormente rilevante. Nei bambini la composizione del microbioma, così come lo stesso sistema immunitario, è più ricettiva ai cambiamenti, poiché ancora in fase di sviluppo.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tic in una bimba di tre anni e mezzo

17/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dott. Leonardo Zoccante

In presenza di tic che compaiono all'improvviso è buona regola prima di tutto effettuare alcuni specifici esami del sangue e un tampone faringeo per la ricerca dello streptococco.  »

Bimba di 18 mesi che non vuole più il latte

16/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Leo Venturelli

A svezzamento completato, il latte non è più indispensabile: come ottima alternativa c'è lo yogurt.   »

Una gravidanza dopo aver smesso l'”anello”: quanto ci vuole?

13/06/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisabetta Canitano

La possibilità di rimanere incinta dopo aver smesso la contraccezione ormonale varia da donna a donna: generalizzare non si può.  »

Fai la tua domanda agli specialisti