Reazione allergica, anticorpi e istamina

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/01/2015 Aggiornato il 27/01/2015

L’allergia è una risposta esagerata dell’organismo a sostanze, dette allergeni, che nella maggior parte degli individui sono innocue

Le allergie respiratorie: i test e le cure

Perché si manifesti la reazione allergica, l’individuo deve essere sensibilizzato verso un particolare allergene: la sensibilizzazione si realizza la prima volta che si viene a contatto con esso. In questa occasione l’incontro dell’allergene con il sistema immunitario, cioè di difesa dell’organismo, determina una serie di fenomeni che portano alla formazione di anticorpi (le immunoglobuline E o IgE) in grado di riconoscere quell’allergene. Le IgE si legano alla superficie di cellule particolari (i mastociti e i basofili), presenti in numerosi tessuti (nell’apparato respiratorio e digerente, nella pelle e nell’occhio) e lì possono restare senza causare reazioni particolari anche per lungo tempo. Quando l’individuo sensibilizzato entra di nuovo in contatto con lo stesso allergene, anche a distanza di tempo, si scatena un complesso insieme di reazioni che sono alla base delle manifestazioni allergiche delle vie respiratorie (rinite allergica e asma) e della pelle (orticaria, dermatite atopica, dermatite da contatto). Il contatto con la sostanza contro cui è avvenuta la sensibilizzazione provoca, infatti, il rilascio immediato da parte di queste cellule (ossia dei mastociti e dei basofili) di una sostanza, l’istamina, responsabile dei classici disturbi allergici.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco amniocoriale: tanti dubbi dopo la diagnosi.

23/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Il distacco tra le due strutture che costituiscono la placenta, il sacco amniotico e il sacco coriale ("guscio" della camera gestazionale), non coincide con il distacco della placenta, molto più grave.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti