Allergie crociate tra pollini e alimento

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 12/04/2019 Aggiornato il 10/02/2020

La “reattività crociata” è quel fenomeno per cui la sensibilizzazione a un certo allergene, per esempio i pollini, comporta automaticamente una reattività del tutto simile nei confronti di altri componenti, per esempio un alimento particolare. Ecco gli incroci più comuni

Pollini: un sito per sapere in anticipo dove si trovano

La reattività crociata è quel fenomeno per cui la sensibilizzazione a un certo allergene comporta automaticamente una reattività nei confronti di altri componenti. Ecco gli “incroci” più comuni.

  • Parietaria – more di gelso, basilico, ortica, melone, ciliegia
  • Graminacee – pomodoro, kiwi, agrumi, melone, anguria, pesca, ciliegia, prugna
  • Composite – cicoria, camomilla, banana, sedano, prezzemolo, carota, finocchio
  • Betulla – mela, pera, pesca, ciliegia, prugna, mandorla, lampone
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Creme solari: si possono usare in allattamento?

24/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Antonio Clavenna

Durante l'allattamento è opportuno usare, all'occorrenza, prodotti per la protezione dai raggi del sole contenenti filtri fisici e non chimici.   »

Quali regole per prevenire la toxoplasmosi?

19/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Le regole che consentono di evitare il contagio da parte del Toxoplasma sono semplicissime ed efficaci.   »

Bimbo di sette mesi con un “buchetto” sopra il sederino: è preoccupante?

16/05/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

La presenza di una fossetta sacro-coccigea a fondo cieco, se non è associata ad altri segnali che possano far pensare a un problema della colonna vertebrale, non è significativa.   »

Fai la tua domanda agli specialisti