Allergie respiratorie e pollini

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/01/2015 Aggiornato il 27/01/2015

I pollini si diffondono nell'aria con il vento in base alla stagione di fioritura delle piante

Si allunga la stagione delle allergie nei bambini: i consigli degli esperti

I pollini delle piante anemofile (che cioè hanno bisogno del vento per riprodursi) si spandono nell’aria per lo più in primavera, ma alcuni tipi coprono tutto l’anno. I principali sono quelli di:

  • betullacee (betulla, nocciolo, ontano), presenti da fine gennaio ad aprile;
  • graminacee (simili all’erba dei prati), da aprile a giugno;
  • ambrosia e altre composite (margheritine, artemisia, camomilla), da luglio a fine settembre;
  • olivo, presente nei mesi caldi;
  • parietaria, pianta erbacea perenne tipica delle coste italiane, presente tutto l’anno.
Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Sono davvero a rischio di diabete gestazionale?

01/12/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

Quando si inizia la gravidanza in una condizione di obesità e, in più, si aumenta di peso rapidamente già a partire dal primo trimestre il rischio di sviluppare il temibile diabete gestazionale diventa alto, soprattutto se l'esame della curva da carico di glucosio evidenzia un'iperproduzione di insulina....  »

Donna Rh negativo: anche dopo un aborto si sviluppano anticorpi contro il sangue Rh positivo?

30/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Esiste un esame che permette di appurare se la donna ha sviluppato anticorpi contro il fattore Rh positivo: si chiama Test di Coombs indiretto e si esegue come un normale prelievo di sangue.  »

Pap test in gravidanza: conviene farlo?

28/11/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Posto che è il ginecologo curante a dover decidere l'intervallo di tempo tra un pap test e l'altro, in base al risultato ottenuto l'ultima volta che è stato effettuato, in generale non occorre farlo in gravidanza, se sono passati meno di tre anni dall'ultimo.   »

Fai la tua domanda agli specialisti