Shock anafilattico: 10 sintomi per riconoscerlo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 09/02/2023 Aggiornato il 09/02/2023

Bastano pochi minuti per mettere a rischio la vita a causa di uno shock anafilattico: una puntura d’insetto, un cibo “vietato” o un farmaco a cui si è allergici. Vediamo insieme di cosa si tratta e come intervenire all’occorrenza.

Shock anafilattico: 10 sintomi per riconoscerlo

Lo shock anafilattico da reazione allergica, soprattutto alimentare, è comune nei bambini predisposti alle allergie, ma non sempre viene riconosciuto tempestivamente. Si tratta di reazioni improvvise e diffuse, che possono aggravarsi in pochissimo tempo e risultare letali. La Società italiana di allergologia e immunologia pediatrica (Siaip) chiarisce che la causa di uno shock anafilattico è riconducibile per oltre la metà dei casi ad allergia alimentare.

Cosa devono fare i genitori? Quando bisogna rivolgersi a un allergologo?

I genitori dovrebbero rivolgersi, in caso di sospetta allergia del loro bambino, a centri e pediatri specialisti nel settore e altamente qualificati che confermeranno o meno tale sospetto prescrivendo poi la corretta terapia farmacologica e la corretta dieta con un monitoraggio accurato del quadro allergico. 

Sintomi shock anafilattico da reazione allergica

 Gli allergologi pediatri raccomandano di prestare molta attenzione ad alcuni campanelli d’allarme che sono abbastanza evidenti e sintomatici dello shock anafilattico. Vediamo insieme quali sono i 10 sintomi dello shock anafilattico più comuni che potrebbero indicare una reazione allergica alimentare e come intervenire.

1) Orticaria-angioedema

La comparsa di orticaria-angioedema, ovvero pomfi, prurito con gonfiore che inizia generalmente dalle piante delle mani e piedi e poi si diffonde a tutto il corpo.

2) Vertigini, stordimento

Il soggetto presenta sintomi iniziali di vertigini, stordimento, difficoltà a mantenere la posizione eretta.

3) Difficoltà respiratorie

Uno dei sintomi più comuni dello shock anafilattico può essere la difficoltà respiratoria (dispnea) del soggetto che manifesta una respirazione superficiale e veloce.

4) Raucedine, abbassamento della voce e disfagia

Cambiamento repentino della tonalità della voce, difficoltà a parlare e deglutire (disfagia), incapacità di tossire accompagnata dalla costante sensazione di nodo alla gola.

5) Cianosi, ovvero carenza di ossigeno nel sangue

Nel soggetto in preda a uno shock anafilattico la colorazione della cute è bluastra (cianosi) e il senso di soffocamento diventa sempre più esponenziale.

6) Pressione bassa (ipotensione) e tachicardia

Il brusco calo della pressione e un battito cardiaco accelerato sopraggiungono solitamente quando il soggetto presenta pallore intenso e grave malessere diffuso.

7) Comparsa di due sintomi correlati e in più distretti

In questo caso la comparsa di sintomi di eruzione cutanea associata a quella cardiovascolare o respiratoria e gastrointestinale.

8) Stato confusionale

Ai sintomi sopra descritti si aggiunge il più delle volte uno stato confusionale e senso di angoscia generalizzato.

9) Dolori addominali: nausea, vomito e diarrea

Lo shock anafilattico può manifestarsi anche con sintomi meno ricorrenti come ad esempio quelli gastroenterici che si manifestano con crampi addominali, nausea, vomito e diarrea, talvolta aggravanti dello stato clinico già alterato del soggetto.

10) Perdita di coscienza e collasso cardiocircolatorio

La persona può perdere coscienza, avere convulsioni e arrivare in breve tempo al collasso cardiocircolatorio e all’arresto respiratorio.

Cosa fare in caso di shock anafilattico?

 Quelli appena descritti potrebbero essere dei sintomi di uno shock anafilattico alimentare, anche se nessuno di essi può dirsi rappresentativo o esclusivo. Ad ogni modo, in tutti questi casi occorre iniettare il prima possibile adrenalina per via intramuscolo, poiché lo shock può avvenire molto rapidamente e il più delle volte dei casi non si riesce neppure ad arrivare in tempo al Pronto Soccorso.

Proprio a causa della rapidità con cui può evolvere lo shock anafilattico, è importante che i soggetti allergici abbiano sempre con sé un autoiniettore di adrenalina, da utilizzare in caso di emergenza.

 

 
 
 

In breve

I 10 SINTOMI PIÙ COMUNI

Gli esperti dell’Aaito, l’Associazione allergologi immunologi territoriali ospedalieri, hanno stilato l’elenco dei 10 sintomi più comuni, che potrebbero indicare una reazione allergica alimentare: prurito al palmo delle mani e dei piedi, rossore e gonfiore generalizzato e orticaria, difficoltà respiratoria, dolori addominali, vomito e diarrea, abbassamento della voce e raucedine e infine debolezza da calo della pressione.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tintura dei capelli: fa male in gravidanza?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Non esistono più in commercio prodotti per tingere i capelli dannosi in gravidanza, quindi si possono usare tranquillamente. E quetso vale anche in allattamento.   »

Gemelli: è possibile averli solo se c’è familiarità?

20/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Faustina Lalatta

La gravidanza gemellare non è affatto legata alla familiarità, ma è un evento occasionale che può riguardare qualsiasi donna,   »

Colesterolo alto in gravidanza: ci sono rischi per il bambino?

14/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Durante la gravidanza un aumento del valore del colesterolo (entro certi limiti) è fisiologico, tuttavia ogni caso va considerato a sé quindi spetta al ginecologo curante stabilire, in base alla storia clinica della singola donna, se l'incremento può essere o no la spia di qualcosa che non va.   »

Bassa statura di una ragazzina in prossimità del menarca: aumenterà ancora un po’?

09/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Gianni Bona

La statura è influenzata in modo rilevante dalla genetica, ma gioca un suo ruolo anche l'eventualità che il bambino sia nato pretermine. In ogni caso, anche dopo l'arrivo della prima mestruazione (menarca) le ragazze in genere continuano a crescere di alcuni centimetri.  »

Fai la tua domanda agli specialisti