Allergie respiratorie: stagionali e perenni

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/01/2015 Aggiornato il 27/01/2015

Si dividono in due grandi gruppi: quelle che dipendono dal periodo di fioritura delle piante e quelle che possono esserci sempre

Bambino allergico: al via un nuovo sito scientifico per i genitori

Perenni

Gli acari sono i maggiori responsabili delle allergie respiratorie nei bambini. Si tratta di minuscoli ragnetti, invisibili a occhio nudo, che vivono nella polvere privilegiando i luoghi caldi e morbidi (i materassi, le coperte, i tappeti, la moquette, i peluche). A provocare la reazione allergica, nei bimbi predisposti, sono soprattutto i loro escrementi che si liberano nell’aria e vengono facilmente inalati, cioè respirati. Spesso all’origine dell’allergia respiratoria dei bambini c’è anche l’inalazione del pelo o della forfora degli animali, soprattutto dei gatti che vivono in casa, a stretto contatto con le persone. Anche cani, cavalli, conigli, cavie e criceti possono essere responsabili di allergie, ma in misura minore.

Stagionali

Le allergie provocate dai pollini sono in aumento tra i bambini piccoli. A provocare la reazione allergica sono i semi maschili dei fiori, prodotti dalle piante e dagli alberi e dispersi dal vento. In Italia il periodo di maggiore concentrazione di polline è la primavera e l’inizio dell’autunno, quando si registra il picco di diffusione delle cosiddette pollinosi. L’allergia alle graminacee (erba dei prati) è la più diffusa tra i bambini, più rare sono quelle al polline degli alberi che, in genere, è troppo grosso per riuscire a penetrare nelle vie respiratorie dei bimbi piccoli. Anche le muffe possono determinare allergie, diffondendo nell’aria le loro spore (spiegare) che sono molto piccole e quindi facilmente inalabili. Le muffe sono microrganismi di tipo vegetale che tendono a formarsi sugli alimenti non adeguatamente conservati, sugli indumenti di lana, su pareti e pavimenti, su carta da parati, piante e terra. La loro proliferazione è favorita dalla presenza di una percentuale elevata di umidità (oltre il 65 per cento) e il periodo di massima diffusione si registra tra la fine dell’estate e l’inizio dell’autunno.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Utero setto: operare o no prima di una gravidanza?

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Francesco Maria Fusi

La tendenza di oggi è di non intervenire sempre e comunque in caso di utero setto, ma solo in determinate condizioni.  »

Gravidanza e dubbi sulla vitamina D

17/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La vitamina D, anche se assunta in dosi superiori al fabbisogno, non provoca danni al feto.   »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti