Il vaccino anti-allergia attenua il disturbo

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 19/01/2015 Aggiornato il 27/01/2015

La manifestazione allergica è provocata da un'abnorme risposta del sistema immunitario. Ecco perché, per ridurre o annullare i sintomi, è utile il vaccino che determina una sorta di "allenamento" delle difese naturali

Nuovi vaccini: a che punto siamo?

Più che di vaccinazione, nel caso di allergie, è corretto parlare di iposensibilizzazione, cioè di una graduale riduzione della sensibilità all’allergene. Questo effetto si ottiene attraverso la somministrazione, tramite iniezioni sottocute (cioè sottopelle) o sublinguale (cioè sotto la lingua) di gocce o compresse in dosi via via crescenti della sostanza ritenuta responsabile dell’allergia. Il trattamento deve cominciare in una fase in cui il disturbo allergico non è ancora comparso, per esempio, prima delle stagioni di fioritura, nel caso di allergia ai pollini. Non sempre, però, il vaccino è efficace nell’annullare il disturbo allergico. Serve, piuttosto, ad attenuarne le manifestazioni e, di conseguenza, a ridurre l’utilizzo dei farmaci nella cura della fase acuta. Nei bambini la vaccinazione antiallergica è consigliata, di solito, dopo i 5 anni d’età e, per lo più, solo se i disturbi allergici sono particolarmente intensi e seri. Recenti studi sembrano, però, mettere in luce la maggior efficacia del vaccino se avviato in età precoce.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti