Anche il Covid-19 in forma lieve lascia strascichi!

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 21/05/2021 Aggiornato il 21/05/2021

Otto mesi dopo aver contratto il Covid-19 in forma lieve, il 10% dei pazienti presenta sintomi postumi come stanchezza e perdita di gusto e olfatto

Anche il Covid-19 in forma lieve lascia strascichi!

Che il Covid-19 comporti postumi è ormai risaputo, basti pensare che l’80% dei pazienti ospedalizzati accusa sintomi anche dopo mesi dall’inizio dell’infezione. Meno si sa, invece, dell’azione a lungo termine del Covid-19 in forma lieve.

Complicazioni a lungo termine

A colmare questa lacuna, arriva uno studio svedese condotto dal Danderyd Hospital e dal Karolinska Institutet sul personale sanitario e pubblicato sulla rivista JAMA. Come rivelato dai ricercatori, anche contrarre il Covid-19 in forma lieve può portare complicazioni a lungo termine. Positivizzarsi, infatti, sembra non essere sufficiente per eliminare completamente i sintomi del virus che, anche dopo ben otto mesi, si ripresenta con postumi moderati o gravi nel 10% dei pazienti, compromettendo la qualità di vita e la gestione del tempo libero.

Analizzati otto mesi

I ricercatori scandinavi hanno avviato lo studio della scorsa primavera, così da valutare il livello di immunità nei pazienti guariti dal Covid-19 lieve. Dopo aver raccolto campioni di sangue da oltre 2.100 dipendenti dell’ospedale Danderyd, gli studiosi hanno ripetuto i prelievi ogni quattro mesi, proponendo al campione un questionario in merito a sintomi a lungo termine e il loro impatto sulla quotidianità. A gennaio 2021, sono finiti sotto la lente dei ricercatori i sintomi postumi rivelati dai questionari e ne sono stati valutati gli effetti sulla sfera sociale, lavorativa a domestica degli operatori sanitari.

Disturbi anche otto mesi dopo l’infezione

I risultati hanno evidenziato come dei 323 che avevano contratto il Covid-19, ben il 26% è stato costretto a convivere per più di due mesi con almeno un sintomo moderato o grave, mentre l’11% ha avuto almeno un sintomo capace di influenzare negativamente la qualità della vita lungo gli otto mesi presi in esame. Per comprendere meglio l’impatto del virus e dei suoi effetti a lungo termine, i dati dei 323 operatori positivi sono stati messi a confronto con quelli degli oltre mille sanitari che non hanno contratto il virus, che in merito a sintomi simili ai postumi del Covid-19 hanno evidenziato percentuali molto più basse, rispettivamente 9% e 2%.

Perdita gusto, olfatto e stanchezza

Tra i postumi più comuni tra chi ha contratto il Covid-19 in forma lieve ci sono la perdita dell’olfatto e del gusto. Meno frequenti affaticamento e problemi respiratori, che comunque restano tra i più riscontrabili anche tra chi contrae forme più pesanti del virus. Non si nota, invece, una maggiore incidenza di sintomi quali problemi di memoria, concentrazione, dolori muscolari e articolari, palpitazioni, mal di gola o febbre.

 

Da sapere

Lo studio procede e indagherà anche il modo in cui lavora il sistema immunitario una volta debellato il virus, dall’autoimmunità alla possibilità di infettarsi nuovamente.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Vaccino anti-CoVid-19: non è vero che ostacola la fertilità. Anzi.

21/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professor Matteo Bassetti

Non ci sono dati che autorizzino a sostenere che la vaccinazione contro l'infezione da Sars-CoV-2 interferisca sulla fertilità.   »

Fontanella anteriore chiusa in una bimba di 4 mesi: è preoccupante?

20/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se l'accrescimento della circonferenza cranica è regolare e se lo sviluppo neuropsicologico è adeguato all'età, la chiusura precoce della fontanella non deve destare alcuna preoccupazione.   »

Come togliere il seno a un bimbo di 18 mesi (difficile da gestire)?

15/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Banale eppure risolutivo: per smettere di allattare, quando diventa un peso insostenibile, basta non offrire più il seno e passare alla tazza.   »

Bimbo di 4 mesi con fossette nella piega interglutea: c’è da preoccuparsi?

12/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Alessia Bertocchini

E' davvero raro che una piccola anomalia in prossimità dell'ano che vari specialisti hanno considerao priva di significato dal punto di vista medico possa essere la spia di spina bifida.   »

Bimbo con dolore forte al lato sinistro dell’addome

05/09/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Annamaria Staiano

La causa più frequente di un dolore intenso nella parte alta e sinistra dell'addome è quella che i pediatri americani definiscono "stitichezza occulta".  »

Camera gestazionale piccola: c’è da preoccuparsi?

16/08/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se le dimensioni dell'embrione sono giuste per l'epoca, possono non essere significative quelle della camera gestazionale.  »

Fai la tua domanda agli specialisti