Vaccino contro il Covid-19, ok anche in caso di allergia

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 17/06/2021 Aggiornato il 17/06/2021

Il vaccino contro il Covd-19 può essere somministrato anche a chi convive con allergia. Bastano alcune semplici domande preliminari per escludere i soggetti davvero a rischio

Vaccino contro il Covid-19, ok anche in caso di allergia

La campagna per il vaccino contro il Covid-19 è ormai avviata, ma non smette di attirare pareri discordanti. In tanti, infatti, si dicono ancora incerti o dichiarano di non volersi vaccinare affatto. E questo è ancor più vero per i soggetti allergici. Una ricerca condotta dagli allergologi del Massachusetts General Hospital (Mgh) e pubblicata sul Journal of Allergy and Clinical Immunology: In Practice, rivela però come anche chi convive con forme gravi di allergia a cibo, a farmaci a somministrazione orale, ma anche a lattice o a punture di ape, possa vaccinarsi in tutta sicurezza.

Attenzione per allergia al polietilenglicole

Lo studio ha preso in esame i dati di oltre 65mila pazienti a cui era stato somministrato un vaccino Pfizer, Moderna o Johnson&Johnson, rivelando come queste tre marche siano sicure anche per chi ha manifestato episodi di shock anafilattico. Occorre, invece, prestare attenzione ai casi di reazioni allergiche al polietilenglicole (PEG), contenuto anche nei vaccini. In generale, però, i dati analizzati hanno evidenziato come le reazioni alle soluzioni immunologiche sono estremamente rare.

Quando serve lo specialista

Estrapolando le informazioni da dati e incrociando i risultati, i ricercatori hanno elaborato un modo semplice e veloce per individuare i soggetti con allergia che possono fare il vaccino contro il Covid-19 senza correre rischi, bypassando le visite allergologiche. Bastano infatti alcune semplici domande, che ogni medico vaccinatore conosce, per determinare in modo rapido chi può immunizzarsi tranquillamente al Covid-19.

Come spiegato dalla co-direttrice del programma di Epidemiologia clinica della divisione di allergia del Mgh e tra le prime firme dell’indagine, Kimberly G. Blumenthal, questo studio permette di evitare visite specialistiche inutili a quei pazienti con precedenti casi di allergia, ma che non avrebbero alcun problema a vaccinarsi. L’accertamento allergologico prima del vaccino viene consigliato solo nei rari casi di grave reazione allergica al PEG.

 

 
 
 

Da sapere

L’obiettivo, rivela la direttrice dell’Unità di allergologia e immunologia del Mgh, Aleena Banerji, è quello informare i pazienti sull’importanza di vaccinarsi per la salute,  fugando ogni dubbio dettato dalla scarsa conoscenza sul tema.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti