Congiuntivite nel neonato: sintomi, cause e come si cura

Alberta Mascherpa A cura di Alberta Mascherpa Pubblicato il 02/05/2019 Aggiornato il 18/12/2023

È un disturbo molto comune e può avere diverse cause. Ecco come intervenire per curare la congiuntivite nel neonato.

Congiuntivite nel neonato: sintomi, cause e come si cura

La congiuntivite nel neonato è un disturbo molto comune e può avere diverse cause. I problemi agli occhi nei bebè sono diffusissimi e sono rari i bimbi che non ne hanno mai sofferto. Questa infiammazione della congiuntiva, la membrana che riveste la superficie esterna del bulbo oculare e contribuisce alla sua lubrificazione, può interessare un solo occhio o entrambi. Occhi rossi, palpebre arrossate e gonfie, pus che appiccica le palpebre soprattutto dopo il sonno sono i sintomi più evidenti e possono avere diverse cause: allergie, infezioni, irritazioni o il blocco dei canali lacrimali. Vediamo insieme all’esperto le cause e i rimedi per intervenire e curare la congiuntivite neonatale.

Le cause della congiuntivite neonatale

La presenza di un occhio rosso nel neonato deve sempre rappresentare un campanello di allarme in quanto segnale di uno stato infiammatorio, più o meno grave, che va sotto il nome di congiuntivite. Un disturbo che può interessare un solo occhio oppure entrambi. «La congiuntivite del neonato è un’infiammazione dell’occhio che può avere origine da molte cause diverse» precisa il dottor Antonio Provenzano, responsabile di oculistica a Città di Lecce Hospital. «Può essere causata da infezioni batteriche, virali, da clamidia e gonorrea trasmesse durante il parto, dall’ostruzione del dotto lacrimale e anche dalla reazione a sostanze chimiche. I sintomi con cui si manifesta sono diversi e possono includere nella maggior parte dei casi la presenza di secrezione oculare, arrossamento, chemosi congiuntivale cioè gonfiore della congiuntiva, lacrimazione, fotofobia e, nelle forme più gravi, dolore». Tutto questo determina un fastidio che disturba il neonato in maniera più o meno accentuata in base alla gravità del problema. Identificare il tipo di congiuntivite di cui soffre il neonato è importante quindi per poter stabilire come meglio intervenire così da arrivare a una rapida soluzione della malattia.

 

Dotti lacrimali bloccati

La congiuntivite neonatale spesso si lega a un blocco a livello del dotto lacrimale, un canalino che scorre dal bordo della palpebra inferiore in corrispondenza dell’angolo interno dell’occhio fino all’interno del naso. Nei neonati può succedere che il dotto lacrimale sia ostruito perché la valvola che permette l’aprirsi e il chiudersi del canalino nasolacrimale è serrata: si produce così un ristagno di liquido lacrimale che può determinare un’infiammazione. Il dotto lacrimale in genere si sblocca da solo ma se questo non avviene entro l’anno è necessario intervenire chirurgicamente.

Pollini tra le cause più comuni

La congiuntivite allergica è molto comune e si riconosce perché in genere si manifesta con prurito anche di una certa entità, una sensazione di corpo estraneo nell’occhio e fotofobia. La forma stagionale acuta è presente dalla primavera all’estate ed è causata prevalentemente dall’esposizione ai pollini e alle graminacee. La forma cronica, invece, persiste durante tutto l’anno. «Negli ultimi tempi, si registra un numero crescente di congiuntiviti neonatali irritative dovute alla presenza di sostanze irritanti presenti nell’aria e in particolare negli ambienti domestici» precisa l’oculista. «Molto spesso si tratta di sostanze apparentemente innocue di cui i genitori non sospettano la possibile azione irritativa come succede nel caso delle candele accese in casa che rilasciano nell’ambiente fumi non del tutto innocui». Le congiuntiviti allergiche, pur essendo le forme più comuni e meno problematiche, spesso sono espressione di un quadro clinico più generale: per questo può essere opportuno che il problema venga affrontato in modo coordinato da un oculista e da un pediatra allergologo.

Congiuntivite neonatale da batteri e virus

Più raramente può anche succedere che la congiuntivite neonatale sia causata da un’infezione da batteri o virus. Si tratta di un contagio che si verifica solitamente con il passaggio del neonato nel canale vaginale. Le cause possono proprio i microrganismi della clamidia e della gonorrea ( si parla in questo caso di congiuntivite gonococcica) trasmessi dalla madre che li ospita al momento del parto. Per questo, a scopo preventivo, alla nascita, a tutti i neonati vengono instillate negli occhi soluzioni antisettiche. Questo anche perché le congiuntiviti provocate da infezioni da clamidia e gonorrea, se non trattate tempestivamente, possono avere complicanze anche molto gravi portando alla cecità e diffondendosi nell’organismo con conseguenze importanti. La congiuntivite infettiva virale non è legata solo a clamidia e gonorrea; in questi casi non ha conseguenze così gravi ma va comunque curata perché provoca non pochi fastidi al neonato. Se causata da virus o batteri, la congiuntivite può essere contagiosa. Per questo è bene tenere lontani dal piccolo altri bimbi piccoli che toccandolo potrebbero a loro volta infettarsi e sviluppare una congiuntivite. Le congiuntiviti virali possono associarsi a stati influenzali e spesso possono passare da una forma blanda, che provoca solo un lieve fastidio, a una sintomatologia più dolorosa che comporta una lacrimazione densa e abbondante e un gonfiore molto evidente che dall’occhio può estendersi fino all’orecchio.

Le cure per la congiuntivite del neonato

«La congiuntivite neonatale da batteri e virus può essere prevenuta attraverso la somministrazione di colliri antibiotici o di nitrato d’argento subito dopo la nascita» precisa l’esperto. «Sempre in funzione preventiva può essere utile evitare l’esposizione del neonato a sostanze chimiche irritanti per gli occhi. Naturalmente sono da tenere sempre presenti le regole di buon senso adottando una corretta routine di igiene quotidiana che prevede di pulire delicatamente gli occhi del neonato con una garza sterile imbevuta di soluzione fisiologica. Attenzione anche ad evitare che le mani, sia dei genitori quando si prendono cura del neonato, sia del piccolo quando ad esempio lo si prende in braccio, vengano a contatto con superfici poco pulite o con sostanze che soprattutto in questo periodo possono trovarsi facilmente in casa come le decorazioni natalizie con glitter e altre particelle similari, gli spray utilizzati sugli alberi di Natale e così via. Molto spesso le fonti di irritazione si nascondono dentro le mura domestiche e sono pertanto le più insidiose». Le forme di congiuntivite infettiva sono molto contagiose: se qualcuno in famiglia ne soffre, ad esempio un fratello o una sorella più grandi, è bene fare attenzione che non tocchino il neonato.

 Rimedi per la congiuntivite del neonato

«Il trattamento della congiuntivite neonatale varia a seconda della causa e della gravità del problema e può includere l’uso di colliri antibiotici locali in caso di congiuntivite da virus e batteri oppure di colliri antistaminici o addirittura cortisonici qualora si trattasse di una congiuntivite allergica» spiega l’oculista. Nella fase di somministrazione della terapia è basilare che i genitori facciano le mosse corrette: prima di applicare la pomata oftalmica o di instillare nell’occhio il collirio è bene pulire l’occhietto del neonato con una garza sterile in modo che il prodotto non si contamini. Per la stessa ragione è bene fare sempre attenzione che il beccuccio del tubetto o il contagocce del collirio non vengano a contatto con l’occhio o con le palpebre. In genere la risoluzione del problema, una volta stabilita la giusta terapia, avviene nell’arco di sette-dieci giorni. «Va comunque tenuto presente che è sempre importante consultare un medico per avere una corretta diagnosi evitando il fai da te soprattutto per quanto riguarda l’uso di colliri e pomate oftalmiche» continua il medico. Quello che si può fare invece è, nel caso di una congiuntivite dovuta al blocco dei canali lacrimali, massaggiare delicatamente la zona tra l’occhio e il naso del bambino per cercare di aprire il canale ostruito. Tra i rimedi naturali per la congiuntivite del neonato si può procedere a decongestionare l’occhietto del piccolo mediante impacchi con camomilla, l’eufrasia o la malva, tenendo comunque conto che non hanno un potere curativo e quindi risolutivo.

 
 
 

In breve

La congiuntivite è molto frequente nei neonati. Si riconosce dalla presenza di secrezioni, di una lacrimazione intensa, dal gonfiore delle palpebre che a volte può arrivare ad estendersi anche all’orecchio. La congiuntivite neonatale può avere cause diverse e quindi rimedi diversi: per questa ragione è sempre bene consultare il pediatra o l’oculista per avere una diagnosi e una terapia corrette. Importante quindi non somministrare colliri senza prescrizione ma limitarsi per il fai da te alle corrette norme di igiene che consistono nel pulire delicatamente gli occhietti del piccolo con una garza sterile imbevuta di soluzione fisiologica.

 

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Distacco: si deve stare a riposo assoluto?

11/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Stare a letto non solo non serve a cambiare in meglio il destino di una gravidanza ma può addirittura rivelarsi dannoso in quanto favorisce la formazione di trombi e peggiora notevolmente il tono dell'umore.   »

Salpingografia: a cosa serve?

10/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La salpingografia è l'esame che indaga sulle tube alllo scopo di verificare se siano aperte o no. Allo stesso tempo, grazie al mezzo di contrasto, durante l'indagine eventuali ostruzioni possono essere rimosse.   »

Incompleto accollamento delle decidue: cosa vuol dire?

05/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La decidua è l'endometrio durante la gravidanza, in cui l'embrione si annida. Al di sotto c'è chorion, che è il "guscio" che delimita la camera gestazionale entro cui c'è la membrana amniotica o amnios, che è come un sacchetto che racchiude feto e liquido amniotico. Viene definito "mancato accollamento"...  »

Bimbo di 19 mesi che cambia spesso umore

04/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Paola Rolando

Non è raro che verso i due anni il bambino inizi ad avere momenti di nervosismo, manifesti rabbia o ribellione, sia capriccioso: accogliere le sue emozioni negative, facendolo sentire compreso e protetto è il modo migliore per contenere le crisi e fargli recuperare in fretta serenità e allegria.   »

Si può concepire con un solo ovaio e una sola tuba controlaterale?

23/05/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Se una tuba è efficiente è possibile che durante l'ovulazione, anche se a carico dell'ovaio controlaterale, si muova dalla sua sede abituale e si allunghi per captare l'ovocita.  »

Fai la tua domanda agli specialisti