Congiuntivite nel neonato: come si cura?

Redazione A cura di “La Redazione” Pubblicato il 02/05/2019 Aggiornato il 08/11/2019

È un disturbo molto comune e può avere diverse cause. Ecco come intervenire per curare la congiuntivite nel neonato

Congiuntivite nel neonato: come si cura?

I problemi agli occhi nei bebè sono diffusissimi e sono rari i bimbi che non ne hanno mai sofferto, in particolare la congiuntivite nel neonato. È un’infiammazione della congiuntiva, la membrana che riveste la superficie esterna del bulbo oculare e contribuisce alla sua lubrificazione. Può interessare un solo occhio o entrambi. Occhi rossi, palpebre arrossate e gonfie sono i sintomi più evidenti e possono avere diverse cause: allergie, infezioni, irritazioni o il blocco dei canali lacrimali.

Quando i dotti lacrimali sono bloccati

La congiuntivite nel neonato si manifesta con  gonfiore o infiammazione della congiuntiva ed è spesso causata dal dotto lacrimale bloccato, un canalino che scorre dal bordo della palpebra inferiore in corrispondenza dell’angolo interno dell’occhio fino all’interno del naso. Spesso nei neonati il dotto lacrimale è ostruito perché la valvola che schiude il canalino nasolacrimale è chiusa. Se il canalino non si sblocca entro l’anno di età, occorre intervenire chirurgicamente.

Pollini e non solo

La congiuntivite allergica è molto comune. La forma stagionale acuta è presente in primavera ed estate ed è causata prevalentemente dall’esposizione ai pollini e alle graminacee. La forma cronica, invece, persiste durante tutto l’anno.

Batteri e virus

Più raramente può anche succedere che la congiuntivite neonatale sia causata da un’infezione da batteri o virus: un contagio che si verifica solitamente con il passaggio del neonato nel canale vaginale. Le cause possono proprio i batteri della clamidia e della gonorrea  trasmessi durante il parto se la madre è infetta.

Per questo, a scopo preventivo, alla nascita, a tutti i neonati vengono instillate negli occhi soluzioni antisettiche. Se causata da virus o batteri, la congiuntivite può essere contagiosa..

Come si cura

Innanzitutto è necessario rivolgersi al pediatra che, in base alla sua origine, indicherà la terapia più indicata al caso.  Si può usare una soluzione di acqua fisiologica per pulire l’occhio e rimuovere il pus e, se a causare la congiuntivite è il blocco dei canali lacrimali, può essere utile fare un massaggio delicato tra l’occhio e il naso del bambino, per aprire il canale ostruito.

Se si tratta di congiuntivite allergica è utile un collirio antistaminico o un farmaco a base di cortisone. Quando la causa è batterica, il pediatra può prescrivere antibiotici sotto forma di pomata o gocce; infine,  anche se è provocata da un virus la cura può prevedere l’uso di colliri antibiotici, per prevenire sovrainfezioni batteriche.

Da sapere

FUNZIONANO ANCHE I RIMEDI NATURALI

Per decongestionare gli occhietti del piccolo si possono praticare anche impacchi di camomilla (decongestionante naturale e anti prurito), tè, eufrasia o malva.

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Tutti figli maschi: casualità o genetica?

24/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Professor Paolo Gasparini

Ogni fecondazione costituisce una storia a sé e ogni volta si hanno le stesse probabilità di concepire un maschio o una bambina. È, dunque, sempre il caso a "tirare i dadi".  »

Concepimento: dopo due mesi non si è ancora verificato, c’è da preoccuparsi?

16/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Claudio Ivan Brambilla

Non fa bene alla fertilità di coppia farsi prendere dall'ansia del risultato immediatamente dopo aver deciso di avere un figlio. Non è, infatti, automatico che la gravidanza inizi quando viene decisa, ma questo non è affatto preoccupante.  »

Distacco amniocoriale che non si riassorbe con il passare delle settimane

14/06/2022 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In presenza di un distacco amniocoriale che non si risolve non serve intensificare i controlli, mentre sono utili il riposo e un'alimentazione che favorisca l'attività dell'intestino, perché la stipsi può favorire la comparsa prematura di contrazioni uterine.   »

Fai la tua domanda agli specialisti