Contro l’obesità si studia la grelina

Luce Ranucci A cura di Luce Ranucci Pubblicato il 22/07/2021 Aggiornato il 22/07/2021

La grelina è un ormone che stimola il senso di fame ed è quindi legata all’obesità e al sovrappeso. Si pensava che negli obesi aumentassero di numero invece...

Contro l’obesità si studia la grelina

Si è sempre pensato che la grelina fosse correlata all’obesità ma non riusciva a comprendere come. Ora si sa qualcosa in più. Sulla rivista “International Journal of Obesity”,  è stato pubblicato dalla Fondazione Mediterranea “G.B. Morgagni” un importante studio sull’ormone grelina, che ha modificato alcuni risultati già riportati nella letteratura scientifica internazionale sull’obesità. L’ormone grelina, che stimola il senso di fame, è presente nel fondo dello stomaco umano e nelle cellule del pancreas ed è implicato nell’obesità.

Sempre più obesi nel mondo e in Italia

Secondo l’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) un italiano su 10 è obeso; negli ultimi trent’anni, l’incidenza del sovrappeso ha visto un aumento del 30%, mentre l’obesità, con i suoi tre gradi, è schizzata al 60%. Un campanello d’allarme sul sistema sanitario nazionale, con un costo che oscilla tra il 4 ed il 10 %, se si pensa che la condizione di obesità accresce anche le possibilità che le malattie infettive portino a gravi conseguenze. Secondo la Word Obesity Federation, l’obesità è una delle cause più frequenti di comorbilità nei morti per coronavirus, che spesso si accompagna a malattie quali ipertensione, diabete, carcinoma gastrico e ad un sistema immunitario meno efficiente.

Non aumentano di numero ma diventano iperattive

Questa ricerca ha dimostrato che il numero e la densità delle cellule che secernono l’ormone grelina nel fondo gastrico (parte dello stomaco) non aumentano nei pazienti obesi.

“Siamo soddisfatti – dichiara all’Ansa il professor Sergio Castorina, responsabile scientifico della Fondazione – dei traguardi ottenuti. Il nostro dato è avvalorato dal fatto che nello studio è stato coinvolto un elevato numero di pazienti con obesità grave, quarantanove, superiore a quelli coinvolti in altri studi dello stesso tipo. Inoltre, abbiamo dimostrato una iperplasia delle fibre muscolari lisce (cioè involontarie), mai descritta nello stomaco dei pazienti obesi. Infine, con il nostro studio certifichiamo che le cellule che secernono grelina, pur non aumentando in numero, risultano iperattive, cioè secernono più ormone attivo”.

Gli studi continuano

Afferma sempre all’Ansa la dottoressa Tonia Luca, che ha fatto parte del team di ricerca, “Le nostre analisi continuano. Vogliamo osservare le diverse modificazioni del tessuto adiposo nei pazienti obesi ed in quelli sani. L’obiettivo specifico è fare emergere i meccanismi infiammatori che spesso si manifestano nei pazienti obesi e che incidono sul tasso di mortalità. Il paziente obeso, infatti, ha una salute precaria e quasi sempre va incontro a malattie cardiovascolari, sviluppa diabete e molto spesso carcinoma gastroesofageo”.

 

 
 
 

Da sapere

La grelina è un ormone scoperto nel 1999 da un gruppo di ricercatori giapponesi. Si sa che questo ormone aumenta la ricerca e l’assunzione di cibo e può provocare pertanto un aumento di peso corporeo.

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

E’ gemellare la mia gravidanza?

29/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Arianna Prada

Per sapere se la gravidanza è gemellare nonché per capire se, eventualmente, è in evoluzione favorevole è necessario attendere che il tempo trascorra. Continuare a sottoporsi a controlli troppo presto non serve a ottenere risposte (ma ad aumentare l'ansia sì).   »

Pancione: quali traumi (urti, colpi, pressioni) possono danneggiare il bambino?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

Qualsiasi trauma addominale che provoca dolore deve essere sottoposto velocemente all'attenzione di un medico del pronto soccorso ostetrico.   »

Bimbo “atopico”: quali accorgimenti per controllare l’eczema?

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Floria Bertolini

La detrmatite atopica è una malattia cronica che va trattata con i farmaci (in particolare, creme cortisoniche) e controllata mettendo in pratica alcune strategie relative allo stile di vita.  »

Feto con un ventricolo cerebrale lievemente più grande

22/11/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottor Carlo Efisio Marras

Se le dimensioni dei ventricoli cerebrali sono maggiori dell'atteso, ma non superiori ai quelle ritenute normali non si è autorizzati a pensare a una patologia.   »

Fai la tua domanda agli specialisti