Covid-19: il pericolo aumenta se manca la vitamina D

Lorenzo Marsili A cura di Lorenzo Marsili Pubblicato il 22/10/2020 Aggiornato il 22/10/2020

La carenza di vitamina D sembra giocare un qualche ruolo nei contagi da Covid-19. Gli esperti però avvertono che non rappresenta una protezione efficace contro il coronavirus

Covid-19: il pericolo aumenta se manca la vitamina D

Chi ha meno vitamina D potrebbe essere più esposto al rischio di risultare positivo al Covid-19. A rivelarlo è uno studio condotto dall’Università di Chicago e da poco pubblicato sul Journal of American Medical Association Network Open. Stando agli esperti, con meno vitamina D, la probabilità di risultare positivi potrebbe salire anche del 60%.

Benefica, ma non protettiva

Da questo dato, i ricercatori si sono mossi per comprendere quale effetto abbia realmente la vitamina D sul virus che sta tenendo sotto scacco il mondo intero. Come spiegato da una delle prime firme dello studio, il professor David Meltzer dell’Università di Chicago, è importante chiarire fin da subito come questi dati non dimostrino in alcun modo l’azione protettiva della vitamina D contro il Covid-19. Detto ciò, il discrimine del 60% suggerisce in maniera chiara un ruolo della vitamina D nel processo che porta al contagio.

La relazione con le malattie respiratorie

La vitamina D, sottolinea Meltzer, ha un’azione importante sul sistema immunitario. Attraverso questa vitamina, infatti, si assicura il corretto funzionamento e l’ottimale stato di salute delle cellule adibite a contrastare le infezioni. Cosa, peraltro confermata da numerosi studi pregressi che evidenziano come a bassi livelli di vitamina D corrispondano maggiori probabilità di andare incontro a malattie respiratorie (asma, tubercolosi) o a infezioni dei polmoni. Come noto, l’organismo produce vitamina D in base alla capacità della pelle di assorbire i raggi del sole. In questo processo entra ovviamente in gioco la carnagione.

Questione di pelle

È proprio dalla carnagione che sono partiti gli studiosi per valutare l’incidenza del Covid-19 in relazione alla vitamina D. Sono 489 gli individui analizzati, il 32% dei quali con pelle bianca e il 25% in carenza di vitamina D (< 20ng/ml). Incrociando questo dato con quello delle positività, gli esperti hanno scoperto come il 12% dei soggetti con valori normali sia risultato positivo al Covid-19. Di contro, nella fetta di campione in carenza, i contagiati toccavano il 19%.

Ruolo da approfondire

Lo studio necessiterà di ulteriori test clinici che permettano ai ricercatori di comprendere il ruolo svolto dalla vitamina D sui contagi da Covid-19. Svelata la relazione, sarà eventualmente possibile stabilire la corretta quantità di vitamina D da assumere. Per ora, gli esperti consigliano di assumerne la quantità normale, o attraverso una corretta esposizione al sole o tramite integratori. Attenzione, però, a tenere monitorati i valori di vitamina D nei soggetti alle prese con disturbi renali. Un’esposizione eccessiva potrebbe, infatti, portare a complicanze.

 

 

 
 
 

Lo sapevi che?

La metà dei giovani presenta una carenza di vitamina D.

 

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Ragazzina di 12 anni con problemi di comportamento

04/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

I 12 anni possono essere un'età complicata, ma la pazienza unita a un ascolto attento e affettuoso possono aiutare a fronteggiarli senza troppi scossoni.   »

Fibromi in gravidanza: sono pericolosi?

02/05/2021 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

I fibromi in sé non costituiscono un pericolo per il bambino in utero, tuttavia è importante tenerli monitorati.  »

Embrione che non si vede alla quinta settimana

16/04/2021 Gli Specialisti Rispondono di Professoressa Anna Maria Marconi

Fare un'ecografia troppo presto (prima della settima settimana) non serve a nulla e, in più, è causa di grandi spaventi che ci si potrebbe risparmiare se solo si avesse un po' di pazienza.  »

Fai la tua domanda agli specialisti