Dal diabete di tipo 2 è possibile guarire: basta perdere il 10% del peso

Metella Ronconi A cura di Metella Ronconi Pubblicato il 29/11/2019 Aggiornato il 29/11/2019

Una dieta leggermente restrittiva accompagnata a un moderato dimagrimento può far retrocedere il diabete

Dal diabete di tipo 2 è possibile guarire: basta perdere il 10% del peso

Lo rivelano i ricercatori dell’Università di Cambridge al termine di uno studio condotto in Gran Bretagna e pubblicato sulla rivista Diabetic Medicine. 

I risultati della ricerca

Gli esperti hanno seguito 867 pazienti diabetici e hanno rilevato che, a 5 anni dalla diagnosi, per 257 di loro la malattia è andata in remissione. Tra questi figurano coloro che sono dimagriti un po’. I ricercatori hanno quindi calcolato che chi riesce a perdere il 10% del proprio peso nella fase iniziale, ovvero entro 5 anni dalla diagnosi di diabete, ha il doppio delle possibilità di guarire dalla malattia.

Basta poco

In passato diversi studi avevano associato una perdita di peso importante (a seguito della chirurgia anti-obesità o a una dieta fortemente ipocalorica) alla remissione del diabete, ovvero alla scomparsa dei sintomi e della necessità di prendere farmaci per il controllo glicemico. Ma il nuovo studio mostra che la guarigione è possibile anche con una diminuzione di peso non esagerata, quindi potenzialmente attuabile da molti pazienti, dal momento che è possibile realizzarla senza interventi troppo pesanti sullo stile di vita e senza estreme restrizioni caloriche.

400 milioni di malati

Questo tipo di diabete colpisce 400 milioni di persone in tutto il mondo e aumenta il rischio di malattie cardiache, ictus, cecità e amputazioni. La malattia può essere gestita attraverso una combinazione di cambiamenti nello stile di vita e di farmaci, ma è anche possibile che i livelli elevati di glucosio nel sangue tornino alla normalità attraverso una restrizione calorica e la conseguente perdita di peso. Da un po’ di tempo si sa che è possibile mandare il diabete in remissione utilizzando misure drastiche: una dieta intensiva che prevede un apporto giornaliero totale di 700 calorie per 8 settimane è stata associata alla remissione in quasi nove persone su dieci con diabete recentemente diagnosticato e in metà delle persone con malattia di lunga durata. Ma come ottenere lo stesso effetto su una più ampia fetta di popolazione, in maniera più semplice? Sembra aver risposto a questo quesito lo studio dell’Università di Cambridge: la perdita di peso del 10% sarebbe più motivante e quindi più realizzabile per molte persone.

 

 
 
 

Da sapere!

Al fine di chiarire il modo migliore per aiutare i pazienti con diabete di tipo 2 a raggiungere una perdita di peso, il team inglese sta attualmente intraprendendo uno studio chiamato GLoW (riduzione del glucosio attraverso la gestione del peso).  

Fonti / Bibliografia

Le informazioni contenute in questo sito non intendono e non devono in alcun modo sostituire il rapporto diretto fra professionisti della salute e l’utente. È pertanto opportuno consultare sempre il proprio medico curante e/o specialisti.

Gli Specialisti rispondono
Le domande della settimana

Gambe sollevate in gravidanza: possono aver danneggiato il bambino?

08/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Angela Raimo

Durante la gravidanza, quando preoccupazioni che oggettivamente non hanno ragione di sussistere non danno tregua, mantenendo la futura mamma in uno stato ansioso costante, può senz'altro essere opportuno ricorrere all'aiuto di uno psicoterapeuta. Le continue paure ingiustificate possono, infatti, essere...  »

Tosse violenta che non passa in una bimba di 4 anni: qual è la causa?

02/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Professor Giorgio Longo

Anche se di rado, una tosse secca, insistente, che nulla calma può essere dovuta al tappo di cerume: per escludere questa possibilità basta che il pediatra ispezioni accuratamente i condotti uditivi del bambino.  »

Collo dell’utero raccorciato in 25^ settimana: è possibile che torni a posto?

01/07/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

In effetti la cervice può recuperare qualche millimetro, in assenza di contrazioni uterine, quindi non è detto che una minaccia di parto prematuro comporti con certezza la nascita del bambino molte settimane prima rispetto alla data prevista.  »

Si può ridatare la gravidanza una seconda volta?

14/06/2024 Gli Specialisti Rispondono di Dottoressa Elisa Valmori

La ridatazione ecografica può essere eseguita una volta sola nel primo trimestre (quando c'è più di una settimana di differenza tra il calendario ostetrico e le dimensioni effettive del feto), dopodiché se il bambino risulta più piccolo dell'atteso non si può più attribuire il dato a un concepimento...  »

Fai la tua domanda agli specialisti